Martedì, 26 Ottobre 2021
Calcio

Cori razzisti contro Bakayoko, la procura federale indaga sui tifosi della Lazio

Al nuovo esordio in Serie A, il calciatore francese è stato bersagliato da cori di stampo razzista

La procura federale della Figc (Federazione italiana gioco calcio) ha aperto un'indagine a carico della Lazio per fare chiarezza sui cori di stampo razzista ai danni di Tiémoué Bakayoko, centrocampista rossonero, provenienti dal settore ospiti di San Siro durante Milan-Lazio del 12 settembre.

In procedenza il Milan aveva presentato un esposto-denuncia alla procura che, nella giornata di venerdì 17 settembre, ha acquisito i video della partita e ciò che è in possesso della questura di via Fatebenefratelli. Ivan Gazidis, amministratore delegato del Milan, aveva commentato che "è un nostro impegno morale denunciare ogni forma di discriminazione" subìta dai calciatori rossoneri e aveva invitato il mondo del calcio a restare unito per tutelare i giocatori. 

Cori anche contro Kessie

Durante Milan-Lazio anche Kessie aveva subito cori di matrice discriminatoria. Bakayoko, su Instagram, aveva poi pubblicato un post in cui scriveva che "io e mio fratello Kessie siamo forti e orgogliosi del colore della nostra pelle". Dopo avere disputato in rossonero la stagione 2018-2019, il centrocampista francese è ora tornato al Milan in prestito biennale dal Chelsea. Durante il match contro la Lazio Bakayoko si è anche infortunato: ne avrà almeno fino a inizio ottobre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cori razzisti contro Bakayoko, la procura federale indaga sui tifosi della Lazio

MilanoToday è in caricamento