menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Catania - Inter 0-3, le pagelle: Alvarez l'uomo chiave, Palacio di classe

Sottotono Guarin. Cambiasso se la cava. Dirompenti gli uomini di fascia

Handanovic 6 - Ordinaria amministrazione o poco più. Conferma solidità e sicurezza in tutti i fondamentali del ruolo. Rispetto alla scorsa stagione, quando partì con un infortunio, è in una forma smagliante.

Campagnaro 6,5 - Conosce a memoria gli schemi di Mazzarri e si vede. La chiave per la spinta di Jonhatan è lui. Lo copre con precisione, senza tuttavia sguarnire il terzetto arretrato.

Ranocchia 6 - Dei tre dietro è quello che soffre un po' di più. Rispetto allo scorso anno però appare meno spaventato ed a suo agio anche se al suo fianco non c'è Samuel

Juan Jesus 6 - Anche lui meglio dello scorso anno. Non va in crisi quando si tratta di fare la diagonale verso l'esterno. Soffre solo un po' l'uno contro uno ma ha i mezzi per migliorare.

Jonathan 7 - Un altro giocatore rispetto a quello dei primi due anni in Italia. A Catania si è visto veramente l'erede di Maicon: corsa, intensità, dribbling e cross. Se e quanto durerà lo dirà il resto del campionato. Se però è questo, Isla può restare a Torino.

Cambiasso 6 - Senza infamia e senza lode. Poco dinamico, ma molto ordinato. Tende a non strafare e non finisce in debito d'ossigeno. Osservazione rispetto al finale contro il Genoa: la sua presenza, rispetto a Taider, costringe Kovacic e Guarin un po' più dietro.

Guarin  5,5 - Come lo scorso anno, alterna cose belle a cose meno belle. Meno dirompente rispetto a domenica scorsa, ma importante da un punto di vista tattico.

(67' Belfodil) - Lo davano come uno dei ripudiati da Mazzarri. Entra negli ultimi minuti e dimostra che in quest'Inter ci puo' stare anche lui

Kovacic 6 - Un tocco di troppo che si trasforma sempre in un dribbling elegante che fa stropicciare gli occhi ai tifosi. Mancano le incursioni palla a piede, ma per quelle ci sarà tempo.

(44' Taider) 6,5 - Sta lentamente sconfingendo gli scettici. Corre, ma ci mette piedi buoni. Il suo dinamismo sarà prezioso per tutto il resto del torneo

Nagatomo 7 - Corsa, generosità, tagli, tiri, cross. Sulla fascia non molla un centimetro sia in fase difensiva che in quella offensiva. Due in gol in due giornate lo eleggono ad arma in più di questo inizio di campionato.

Alvarez 7,5 - L'uomo chiave: è il mediano in più a centrocampo e l'attaccante che affianca Palacio. Come un mediano corre e recupera palloni. Come attaccante si inserisce e si inventa un gol in splendida progressione. Se continua così il posto è difficile toglierlo

Palacio 7,5 - Classe e concretezza. Non sbaglia nulla o quasi. In coppia con Alvarez orchestra i contropiedi che spaccano il match. Detta i tempi alle discese di Jonhatan e Nagatomo. Firma il gol e l'assist per Nagatomo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento