Sport

"Napoli colera": Milan multato dal giudice sportivo per i cori anti napoletani a San Siro

La sanzione arriva alla vigilia di nuove norme più stringenti: l'arbitro potrà anche non far iniziare la partita

Il Milan è stato multato dalla giustizia sportiva in seguito ai cori di stampo razzista intonati dalla Curva Sud durante il match a San Siro di sabato 26 gennaio.

Come si ricorderà, i tifosi milanisti intorano cori contro la città di Napoli e i napoletani. Urla che il giudice sportivo ha giudicato "di matrice territoriale", comminando alla società rossonera una sanzione di 15 mila euro.

Nel frattempo la Lega Calcio Serie A cerca di correre ai ripari con nuove regole sul razzismo degli stadi. In questo stesso periodo, infatti, l'Inter sta scontando una pesante sanzione per i cori razzisti verso i napoletani datati 26 dicembre 2018: due partite a porte chiuse e la terza a curva chiusa.

Il nuovo protocollo prevede che il responsabile dell'ordine pubblico allo stadio possa obbligare l'arbitro a non far iniziare la gara se, prima dell'inizio del match, avrà rilevato striscioni, cori o grida di discriminazione. Nel corso della gara, invece, l'arbitro potrà disporre l'interruzione, con i calciatori che si piazzeranno al centro del campo. 

Qualora poi l'interruzione duri parecchio, l'arbitro avrà la possibilità di far rientrare le squadre negli spogliatoi. E se non bastasse nemmeno questo, si potrà arrivare alla sospensione della gara stessa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Napoli colera": Milan multato dal giudice sportivo per i cori anti napoletani a San Siro

MilanoToday è in caricamento