menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non corre e non segna: il Milan di Inzaghi è in crisi

Da Menez a Torres: tanti sono i dubbi. La difesa è debole e manca spinta sulle fasce

In crisi di risultati e di gioco, il Milan e Filippo Inzaghi si trovano di fronte a un incrocio critico. Dopo due pareggi e una sconfitta, due gol segnati e quattro subiti, sarebbe pericoloso un altro risultato negativo sabato a Genova contro la Sampdoria.

C'è poco tempo, ma l'allenatore deve in fretta porre rimedio ai problemi. Inzaghi sa bene che nel calcio i giudizi cambiano rapidamente, ma ha pochi alibi visto che i tre impegni della settimana non erano proibitivi. In campo non si vede più il Milan che aveva entusiasmato anche il presidente Silvio Berlusconi per il gioco offensivo spregiudicato e la capacità di reagire alle difficoltà.

Adesso i rossoneri non corrono più quanto un mese fa e lo fanno male. Cagliari e Palermo hanno mostrato una condizione atletica superiore e soprattutto più idee di gioco. L'attacco era l'arma principale del Milan di Inzaghi ed è il reparto più involuto. A dispetto dell'esortazione di Berlusconi, con il Palermo sono arrivati solo tre tiri in porta, frutto di iniziative personali più che altro. La convivenza fra Torres e Menez è ancora tutta da creare, anche Honda ha inevitabilmente dei passaggi a vuoto, mentre El Shaarawy è ancora lontano dalla condizione migliore e Pazzini fatica a sfruttare le manciate di minuti in cui lo chiama in causa Inzaghi. In attesa di Montolivo, il centrocampo del Milan dipende dalla verve di De Jong, e non può bastare.

Insufficiente è anche la spinta dei terzini De Sciglio e Abate, che contro il Palermo hanno messo insieme un paio di cross appena. Le difficoltà della difesa, infine, non sono certo una novità: sono una costante delle passate stagioni, sono state confermate dalle ultime partite ma coperte dalla produzione offensiva. Ora che l'attacco si è fermato i problemi del Milan sono più evidenti. E forse non è un caso che ai primi passi falsi siano seguiti episodi come lo sfogo della moglie di Pazzini, o altri malumori interni allo spogliatoio.

Serve vincere sabato in casa della Sampdoria, uno scontro diretto che precede la sosta e il derby delle deluse contro l'Inter. E a questo punto diventa un banco di prova anche l'appuntamento di mercoledì contro gli argentini del San Lorenzo, avversari inediti nella sfida per il Trofeo Berlusconi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento