menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Olimpia contro il Nizhny (foto Ea7)

L'Olimpia contro il Nizhny (foto Ea7)

Top 16: l'Olimpia parte male, asfaltata dal Nizhny

I biancorossi hanno preso venti punti dalla formazione russa

Peggior avvio di Top 16 non poteva materializzarsi. L’Olimpia tira male, ma riesce con la difesa a tenersi in controllo nel primo tempo, andando anche a più nove, però i segnali non sono convincenti e nel terzo quarto arriva un crollo verticale. E’ frutto di una straordinaria imprecisione nel tiro da tre che è aggravata da un passaggio a vuoto difensivo, reso più evidente anche dalla qualità non solo fisica del Novgorod. Il risultato è una sconfitta brutta anche nelle proporzioni, 79-59. Adesso l’EA7 è attesa da due trasferte consecutive, al Pireo e a Malaga.

IL PRIMO TEMPO - Si comincia male perché l’Olimpia sbaglia i primi quattro tiri e il quinto possesso è una palla persa. Il Nizhny inizia meglio, appoggia la palla detro, segna sei punti consecutivi e costringe Coach Banchi a chiamare subito time-out. L’Olimpia rientra in partita prima con la difesa e poi con l’attacco. Moss dà la scossa usando il suo coraggio fisico, poi quando entra MarShon Brooks l’attacco acquisisce efficacia. Brooks segna nove punti consecutivi e alimenta un grande uno contro uno di Samuels per la schiacciata. E’ Brooks in entrata a firmare il primo vantaggio sul 16-14 che chiude il primo quarto. L’Olimpia prende quattro punti di vantaggio su un tap-in di James, poi prova ad allungare con un fade-away di Kleiza e un lay-up ancora di James. La tripla di Kleiza porta l’EA7 a più sette sul 31-24 e poi Gentile dalla media a più nove. Nizhny risponde con un 5-0, tripla dall’angolo di Kinsey e post-up di Parakhouski che gioca un gran primo tempo. Alla fine del primo tempo è 35-31 Olimpia.

IL SECONDO TEMPO - L’inizio è identico a quello del primo quarto. Rochestie attacca e crea assieme a Kinsey. I falli non aiutano la difesa e Coach Banchi deve chiamare time-out su un parziale di 8-0 che trasforma il più quattro dell’intervallo in un meno quattro. Ma è Novgorod a comandare la partita. Il tiro da tre non entra e se ne abusa. La difesa soffre, va in bonus presto, Rochestie è spietato dalla linea e Kinsey, inizialmente travolto da Brooks, ha una grande reazione e porta Nizhny avanti 54-42. Ma è solo l’antipasto di quello che sta per succedere. Novgorod è padrona del campo, Thompkins innestato in contropiede da Rochestie va segnare il più 17, 59-42, a 11 minuti dalla fine (59-44 alla fine del periodo). Il massimo vantaggio tocca i venti punti, ma l’unico ad avere un po’ di ritmo in attacco è Brooks. Ad Hackett fischiano due falli nella stessa zione. Parakhouski segna e prende fallo da James. Di fatto è una sorta di knock.out tecnico (fonte: OlimpiaMilano.com).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento