menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Olimpia dopo la vittoria con l'Efes a Novembre (foto Ea7)

L'Olimpia dopo la vittoria con l'Efes a Novembre (foto Ea7)

Eurolega: tutto pronto per la sfida sul Bosforo tra Olimpia e Efes

Coach Banchi: "Vogliamo dare continuità alle nostre prestazioni recenti cercando conferma dei progressi". Hackett: "Sarà una partita difficile"

Le red shoes sono volate in Turchia per il match di Eurolega con l’Efes. La sfida è in programma per le 19.15 di domani e la tensione è alta. I biancorossi non hanno mai vinto sul Bosforo. Anche la storia sembra dalla parte dei turchi: le due formazioni si sono scontrate quattordici volte e solo in tre occasioni i milanesi sono usciti vincitori. L’ultima volta lo scorso novembre. 

Efes: veloce metamorfosi. Dopo essersi qualificato all’ultimo turno alle Top16 la società ha sostituito coach Mahmuti con il greco Evangelos Angelou, assistente storico di Dusan Ivkovic. Non solo. Rispetto alla squadra che ha giocato due volte con l’Olimpia nella prima fase ha recuperato la bandiera Kerem Gonlum e ingaggiato Milko Bjelica. Tre dei suoi uomini viaggiano in doppia cifra nella competizione europea:  Scotty Hopson (15.5), Dusko Savanovic (11.9) e Kostas Vasileiadis (10.4). Hopson sta segnando 15.0 di media con il 66.7% da due e il 50.0% da tre. Insomma: c’è da aver paura.

L’Olimpia, dal canto suo, ha tutte le carte in regola per far bene. I milanesi non hanno perso nessuno degli ultimi cinque incontri e in Eurolega hanno subito solo una sconfitta, al contrario dell’Efes che ha preso tre bastonate. Anche Coach Luca Banchi ha in panchina tre uomini in doppia cifra, ma con più punti nelle mani rispetto ai cestisti del Bosforo: Keith Langford (16.8), Alessandro Gentile (12.3) e Daniel Hackett (11.3). L’obiettivo di Banchi è dare continuità alle prestazioni della squadra: “Stiamo cercando conferma dei progressi. Siamo coscienti delle difficoltà dell’impegno contro una squadra che ha modificato il suo assetto complice il cambio dell’allenatore e che già durante la regular season aveva dimostrato di saperci mettere in difficoltà”.

Non sarà una sfida facile. Lo conferma anche Daniel Hackett: "L'Efes ha messo in difficoltà Milano nella prima fase anche nella gara che abbiamo vinto quindi sarà una partita difficile che dovremo provare a vincere perché ci servirebbe per la classifica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento