rotate-mobile
Sport

Insulti razzisti, allenatore Pro Patria: "Perché il Milan non ha abbandonato il campo?"

Interviene Aldo Firicano: "Il 3 gennaio il Milan smise di giocare l'amichevole con la Pro Patria, ora invece è rimasto in campo"

Dopo i cori razzisti indirizzati a Mario Balotelli durante Milan-Roma del 12 maggio e la conseguente multa da 50mila euro inflitta alla società giallorossa ("E' anche poco", ha replicato Boateng), "Radio Sportiva" ha chiesto il parere di Aldo Firicano, allenatore della Pro Patria di Busto Arsizio.

Il 3 gennaio 2013 proprio Boateng si rifiutò di proseguire un'amichevole contro la compagine di Busto, dopo il perpetrarsi di "buu" e cori razzisti nei suoi confronti da parte della tifoseria avversaria. In quella occasione Boateng e il Milan avevano promesso che se ne sarebbero andati dal terreno di gioco anche durante una partita valevole per la serie A. Così però non è accaduto per Milan-Roma: l'arbitro ha solo sospeso per quasi due minuti l'incontro, al fine di valutare il da farsi, e poi ha fatto riprendere il gioco.

"Ho notato con dispiacere - ha attaccato Firicano - che il Milan non è andato via dal campo contro la Roma, così come aveva promesso di fare a suo tempo. Mi viene da pensare che abbiamo subìto tutto quello perché eravamo una squadra piccola e non una big".

In realtà Boateng, nel raccontare cos'è successo nei primi minuti della ripresa di Milan-Roma, ha spiegato che l'arbitro gli aveva detto che aveva sentito i "buu" e che, se li avesse sentiti ancora, avrebbe sospeso la partita.

Aldo Firicano, classe 1967, è stato un difensore. La sua carriera calcistica ha il periodo d'oro nel Cagliari, dove partecipa anche a una coppa Uefa (fino alle semifinali) e, curiosamente, annovera tra i suoi compagni di squadra anche Massimiliano Allegri, attuale tecnico proprio del Milan. Dopo il ritiro nel 2004, ha iniziato la carriera da allenatore: è tecnico della Pro Patria dal 2012 e ha portato la sua squadra al primo posto in classifica del girone A della seconda divisione di Lega Pro, con la qualificazione automatica in prima divisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti razzisti, allenatore Pro Patria: "Perché il Milan non ha abbandonato il campo?"

MilanoToday è in caricamento