rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Sport

Inter, Eriksen ai saluti. Le parole di Marotta: "Non è funzionale alla squadra, è in partenza"

Avventura già finita per il danese, arrivato a gennaio scorso. La stroncatura dell'Ad

Amore già finito. Se mai è sbocciato. È ai titoli di coda l'avventura all'Inter di Cristian Eriksen, arrivato in nerazzurro a gennaio scorso dal Tottenham per 27 milioni di euro - era stato il grande colpo di mercato di tutta la serie A - e innegabilmente mai amato davvero dall'allenatore Antonio Conte, che ha sempre fatto fatica a trovargli un ruolo ben definito in campo. 

La bocciatura definitiva è arrivata prima di Verona-Inter - poi vinta 2-1 da Lukaku e soci - per bocca di Beppe Marotta, amministratore delegato del club. "È in partenza, ha avuto difficoltà di inserimento e non è funzionale all'Inter. È giusto dargli la possibilità di trovare più spazio altrove", ha spiegato il dirigente.

Parole secche, decise, che lasciano poco spazio all'interpretazione. E anche i numeri del trequartista danese all'Inter ne lasciano altrettanto. Da quando è arrivato, Eriksen ha giocato 25 partite - di cui pochissime da titolare - segnando un solo gol. Passo lento, ma grande visione di gioco abbinata alla fantasia, il 28enne non è mai sembrato il calciatore adatto per lo stile di gioco di Conte, che infatti a centrocampo ha continuato a preferirgli altri compagni.

Adesso la missione dello stesso Marotta e del resto della società sarà trovare qualche acquirente interessato per cercare, almeno, di non perdere soldi sull'investimento effettuato meno di un anno fa. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inter, Eriksen ai saluti. Le parole di Marotta: "Non è funzionale alla squadra, è in partenza"

MilanoToday è in caricamento