Sport

Inzaghi ha detto che vuole riconquistare lo scudetto

Il neo allenatore dell'Inter ha incontrato i giornalisti durante una conferenza stampa nel pomeriggio di mercoledì 7 luglio

Riconquistare lo scudetto. È questo l'obiettivo del nuovo mister dell'Inter Simone Inzaghi. "Il mio obiettivo è dare continuità, so che sono venuto in una squadra che ha vinto lo scudetto e che sono in una società che ha ceduto un giocatore importante come Hakimi ma so anche ho una squadra con grandissimi giocatori", ha detto il nuovo allenatore durante la conferenza stampa di presentazione (a San Siro) nel pomeriggio di mercoledì 7 luglio.

Inzaghi ha affrontato la questione Lazio: "Alla Lazio sono stati 22 anni molto intensi e importanti, ho ringraziato tutti. Ho avuto la fortuna di vincere come giocatore, come allenatore sia delle giovanili che della prima squadra e non potevo chiedere di più. Ma era arrivato il momento di cambiare".

Inzaghi ha poi tratteggiato le caratteristiche della sua Inter: "Voglio una squadra intensa, sempre dentro la partita. Una squadra capace di reagire di fronte agli episodi. Con la Lazio abbiamo fatto tanti gol nel recupero". Un'Inter che ha i tratti dell'Italia di Mancini. E parlando della Nazionale ha detto: "È stato un piacere vedere l'Italia in questo Europeo ma aveva già fatto delle ottime qualificazioni. Faccio i complimento a Mancini, con Roberto ho giocato e l'ho avuto come allenatore, sapevo che poteva fare bene: incrociamo le dita e vediamo la finale".

Marotta: "Il progetto Inter continua"

"La scelta di Simone Inzaghi è un motivo di grande orgoglio perché significa che il progetto Inter continua, affidiamo l'area tecnica nelle mani di un giovane allenatore ma con tanta esperienza, uno degli allenatori più vincenti dello scenario italiano. Sappiamo anche che impersonifica i valori del club". Sono le parole di elogio per il neo tecnico nerazzurro dell'amministratore delegato dell'Inter, Giuseppe Marotta, durante la conferenza stampa di presentazione del mister.

Marotta ha poi affrontato la questione della sostenibilità economica: " Il mondo del calcio è in difficoltà e serviranno diversi miliardi di euro che dovranno essere messi a disposizione o con equity o con finanziamenti tramite terzi. La nostra proprietà da quando è proprietaria dell'Inter ha profuso circa 700 milioni di euro per far si che si possa dare solidità e continuità ed è inspiegabile che si possa chiedere alla proprietà nuovi innesti finanziari. Non sempre l'equazione di chi più spende più vince".

"Siamo ormai lontani - ha continuato Marotta - dal modello di mecenatismo caro anche a questa città che vedeva i proprietari delle società anteporre il risultato al rispetto del bilancio. Oggi tutto questo è impossibile, il modello deve essere di sostenibilità e continuità. Vogliamo continuare, questi sono gli intenti della società, a ricercare i risultati sportivi, ma rispettando gli equilibri patrimoniali e finanziari del club".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inzaghi ha detto che vuole riconquistare lo scudetto

MilanoToday è in caricamento