rotate-mobile
Sport

Inter, tra infortuni e polemiche è di nuovo crisi

I nerazzurri dopo Diego Milito e Rodrigo Palacio, perdono un'altra importante pedina in attacco ma nel frattempo Moratti e Paolo Bonolis attaccano il Milan

È bagarre il giorno dopo Inter-Atalanta. Una giornata carica di veleni, di accuse, di tensione: il rigore inesistente concesso da Gervasoni all'Atalanta che avrebbe propiziato la sconfitta casalinga dell'Inter (la terza consecutiva, cosa che non accadeva dal 1956), ha innescato una incontrollabile reazione a catena.

Moratti non fa alcuna retromarcia e attacca gli arbitri a testa bassa, ma è anche vero che la sua squadra è crollata quando poteva ancora vincere. Una fragilità che il presidente riconosce, vistosa e chiara soprattutto sul campo. L'analisi della partita non offre grandi alibi: la difesa titolare (Juan Jesus, Samuel e Ranocchia) è riuscita a incassare quattro gol pesantissimi e a perdere una partita già vinta. 

La prestazione dell'Inter, funestata dall'infortunio ad Antonio Cassano, non è stata brillante e Ranocchia ha gettato al vento la palla del pareggio. I nerazzurri hanno speso un anno galleggiando e vivacchiando tra prestazioni incolori e mediocri. Guarin si è spento, la qualità latita e la croce non va gettata solo sugli arbitri. Moratti obietta che è incredibile che in 21-22 partite all'Inter non sia stato mai concesso un rigore. 

Una statistica eloquente come eloquenti sono i 50 punti dell'Inter in classifica, otto di distanza dal terzo posto. La Champions si allontana, il nervosismo aumenta. "Non ho cambiato idea. Quando c'è la volontà di colpire, si colpisce - rincara il presidente - e quindi nel dubbio non si fischia il rigore su Rocchi, e questo accade da ventuno partite, mentre nel 'non dubbio' si assegna quello contro di noi, perchè ieri davvero non c'era nulla. Il traguardo della Champions - ammette alla fine - è difficile da raggiungere. Non dobbiamo essere così fragile". 

Le accuse agli arbitri non sono una novità: Gervasoni ha sbagliato ma la crisi dell'Inter andrebbe analizzata con meno emotività. Andrea Stramaccioni è un allenatore che ha personalità e intelligenza e, tuttavia, non è stato capace di dare equilibrio alla squadra. Branca e Ausilio da tempo hanno perso il sostegno dei tifosi. La gestione del caso Sneijder non è stata condivisa e le scelte di mercato duramente contestate. Anche il dottor Franci Combi non gode di grande popolarità dopo i tanti, forse troppi, incidenti muscolari. 

C'è molto da fare per costruire l'Inter del futuro: Livaja, che ieri ha cambiato la partita dell'Atalanta, poteva trovare spazio già da quest'anno. Per Zanetti, l'Inter paga la sua diversità: "Ci prendiamo le nostre responsabilità, ma sul 3 a 1 la partita era tranquilla - dice il capitano nerazzurro -. Noi giochiamo solo a calcio, quel che accade fuori non è nelle nostre mani. Nelle prossime sette partite bisognerà superare tutte le difficoltà". Eppure, le scelte sbagliate incidono forse di più degli errori arbitrali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inter, tra infortuni e polemiche è di nuovo crisi

MilanoToday è in caricamento