Sport

Milan, "telenovela Donnarumma": la società congela il rinnovo del portiere

Sabato mattina l'incontro tra il portiere e una delegazione di ultras

Vacilla la posizione del portiere del Milan (e della Nazionale) Gigio Donnarumma? La società non avrebbe gradito il confronto tra il n. 1 rossonero e una delegazione della Curva Sud, avvenuto a Milanello sabato mattina. Non è la prima volta che la situazione di Donnarumma diventa un caso. Il rinnovo su cui il portiere, il Milan e il procuratore Mino Raiola stanno lavorando ha la spada di damocle del possibile passaggio alla Juventus, circostanza che è stata al centro del colloquio tra il portiere e i capi ultras.

Questi gli avrebbero chiesto di non giocare contro la Juventus previsto per il 9 maggio se nel frattempo Donnarumma non avrà firmato il rinnovo col Milan. Il match è decisivo per la corsa alla Champions League. Ovviamente Donnarumma non ha alcuna facoltà di acconsentire ad una simile richiesta, visto che la decisione sulla rosa da mandare in campo spetta unicamente all'allenatore Stefano Pioli. Secondo le informazioni trapelate, Donnarumma avrebbe risposto di non avere alcuna intenzione di abbandonare i colori rossoneri e sarebbe uscito in lacrime dal faccia a faccia.

La società congela i rinnovi

Gli ultras sarebbero stati concentrati soprattutto sulla vicenda del rinnovo contrattuale. Impossibile che non vi sia stato un accenno al sorriso di saluto tra Donnarumma e l'amico Pepe Reina (hanno condiviso lo spogliatoio rossonero) dopo l'incontro con la Lazio, ma parrebbe che i tifosi abbiano capito la natura amicale dell'incontro a fine partita tra i due portieri.

Successivamente, Paolo Maldini ha espresso la voce ufficiale del Milan in qualità di direttore tecnico, affermando che nessuno, al di fuori della società, può decidere chi gioca una partita o chi rinnova il contratto. Tantomeno gli ultras. La conseguenza? Il club di via Aldo Rossi ha deciso di congelare ogni trattativa di rinnovo in corso (c'è anche Calhanoglu) fino alla fine della stagione.

La corsa alla Champions

Basterà a ricomporre serenità in uno spogliatoio che deve affrontare una (non scontata) corsa per conquistare un posto in Champions League? La giornata 34 del campionato, al di là dello scudetto vinto matematicamente dall'Inter, ha dato esiti positivi per i rossoneri. Atalanta e Napoli hanno pareggiato, mentre il Milan ha vinto contro il Benevento. Ma hanno vinto anche Juventus e Lazio, che restano pienamente in corsa, quest'ultima con una partita da recuperare. Non solo: il Milan ha di fronte due scontri diretti, contro la Juventus domenica prossima e, nell'ultima gara di campionato, l'Atalanta, a Torino e Bergamo.

Il piano B: Mike Maignan

Non è certo la prima volta che il rinnovo di Donnarumma si trasforma in un caso. Fu così anche la prima volta, nel 2017, quando il portiere rossonero addirittura rimandò gli esami di maturità di un anno perché la situazione stava diventando troppo stressante. Se all'epoca il portiere neo 18enne era visto come insostituibile dai più, oggi non è così. Lo stesso Milan si è già cautelato ottenendo un accordo col promettente portiere del Lille, il 25enne Mike Maignan, d'accordo la sua società.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milan, "telenovela Donnarumma": la società congela il rinnovo del portiere

MilanoToday è in caricamento