Sport

Il Milan saluta Leo e liquida la Juve 3 a 0

Antonini e un doppio Dinho stendono i bianconeri. Il tecnico brasiliano dà l'addio tra gli applausi, striscioni contro la società

Tutto San Siro in piedi per salutare Leonardo in una gara che non ha nulla da dire per la classifica. Il tecnico rossonero lascia tra le lacrime e il tifo milanista lo osanna con cori, applausi e striscioni sono stati tutti per lui. L'affetto del popolo milanista è tutti per lui. Sugli spalti, invece, contestazione contro la proprietà e il presidente Berlusconi. In campo è massimo l'impegno di una squadra che è sempre stata dalla parte del tecnico e che ci tiene a dare il suo saluto a Leonardo con una bella prestazione e una vittoria. Anche per Zaccheroni è il giorno dell'addio, ma il casa Juve c'è più nero che bianco.

Eppure la Juve sembra essere in partita: al 4' va vicina al gol con Iaquinta, al 7' con Candreva e al 12' con Marchisio. Poi i bianconeri spariscono e sale in cattedra il Diavolo. Al 14', Antonini dopo uno scambio con Seedorf, batte Buffon. La Juve esce dal match. Al 28' Grosso, incomprensibilmente in Azzurro, pasticcia. Ronaldinho ringrazia e non perdona, firmando il 2-0 dopo il triangolo con Pato. Del Piero e Cannavaro provano a riaprire la partita con l'orgoglio dei gregari, ma non hanno fortuna. Nella ripresa fuori Buffon (ultima partita bianconera?) e Salihamidzic dentro Manninger e Camoranesi. E' sempre il Milan a fare la partita. Al 22', Zebina rinvia male, Poulsen si apre e Ronaldinho sigla il 3-0 con uno splendido piatto destro che non lascia scampo a Manninger. Il resto è accademia con passerella milanista. Standing ovation per Favalli, Ronaldinho e Dida (anche lui all'addio). Ovazione per Nesta al suo rientro in campo. Il risultato non cambia e i rossoneri fanno un bel regalo a Leonardo. La Juve chiude con una sonora sconfitta una stagione da incubo.

Leonardo
, a fine gara ai microfoni di Sky saluta tutti e parla del suo addio: "Non va ricercata una motivazione particolare per questa seperazione. Non c'è niente che non va ne col Presidente ne con nessuno. Io penso solo a quello che ho vissuto, e sono state delle emozioni incredibili, bellissime. Io son partito per questa avventura in un certo modo, e tutti lo sapevano quindi non c'è niente di nuovo in tutto questo. Per me non è stato un lavoro ma solo un cammino bellissimo. Il mio futuro? Non lo so, davvero. Sicuramente per i prossimi anni non farò l'allenatore. Qualcosa succederà. Ad oggi non ho idea di quello che sarà. Per me stasera è stata una situazione molto particolare, e non riesco a trovare le parole per spiegarla. Il mio diverbio con Berlusconi c'è stato, e tutti sanno come è andata. Io parlo solo per me, e la società sa quello che penso. Sono convinto che il Milan possa sempre trovare le strade per essere competitiva perchè in 110 anni di storia lo ha sempre fatto"

Del futuro parla anche Roberto de Assis, fratello ed agente di Ronaldinho: "Mio fratello ha un contratto, è un giocatore del Milan, se volete sapere cosa sarà del suo futuro dovete chiedere alla società. Intanto siamo contenti per come Dinho ha chiuso la stagione, era il modo migliore per salutare i tifosi prima delle vacanze. Rinnovo del contratto? Non abbiamo parlato di nulla con il Milan, c'è un contratto ancora per una stagione e speriamo che adesso, con il campionato finito, ci sia il tempo di affrontare l'argomento con i dirigenti. Davvero non so cosa sarà del futuro di Ronaldinho, vediamo, lui sta bene ed è felice al Milan".


IL TABELLINO


Milan (4-2-1-3): Dida 6 (42' st Abbiati sv); Zambrotta 6, Thiago Silva 6,5, Favalli 6 (16' st Nesta sv), Antonini 7; Gattuso 6,5, Pirlo 6,5; Seedorf 5,5; Pato 6,5, Borriello 6, Ronaldinho 7 (25' st F.Inzaghi sv). A disposizione: Abate, Jankulovski, Mancini, Huntelaar. All.: Leonardo

Juventus (4-3-1-2): Buffon 6 (1' st Manninger 6); Zebina 5,5 (31' st Caceres sv), F.Cannavaro 4,5, Chiellini 6, Grosso 4; Salihamidzic 6 (1' st Camoranesi 5), Poulsen 4, Marchisio 5,5; Candreva 5,5; Iaquinta 5, Del Piero 4,5. A disposizione: Legrottaglie, Paolucci, Amauri, Trezeguet. All.: Zaccheroni

Arbitro: Trefoloni

Marcatori: 14' Antonini (M); 28' Ronaldinho (M); 21' st Ronaldinho (M)


Ammoniti: Gattuso (M), Cannavaro (J), Grosso (J), Ronaldinho (M)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Milan saluta Leo e liquida la Juve 3 a 0

MilanoToday è in caricamento