menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tifosi

Tifosi

Milan-Parma: deferiti 35 tifosi dopo le contestazioni

Proprio in questa ottica si inserisce il grave e spiacevole episodio accaduto in occasione della contestazione a margine dell'ultima partita casalinga Milan-Parma

L’attività svolta dalla questura di Milano ed in particolare dalla sezione “Squadra Tifoserie” della Digos, nel corso di questa stagione, è stata incentrata su tutte quelle situazioni che coinvolgono il mondo ultras e che sono improntate alla violenza ed alla illegalità. Con particolare riferimento alla tifoseria ultras milanista che al momento appare la più attiva per episodi di violenza ed intemperanza, oltre un centinaio sono state dall’inizio di questa stagione le denunce ed i relativi provvedimenti di Daspo che hanno colpito altrettanti tifosi rossoneri tutti appartenenti al sodalizio ultras “Curva Sud Milano”. 

Dopo i noti fatti accaduti in occasione dell’incontro di calcio Milan - Ajax, che ha registrato una violenta aggressione nei confronti della tifoseria ospite, culminata con sei tifosi olandesi accoltellati (per tali fatti sono stati indagati per tentato omicidio 4 ultras rossoneri appartenenti al predetto gruppo), si è venuta a creare, a causa di una serie di risultati sportivi negativi della squadra rossonera, una situazione di contestazione che ha avuto quale protagonista il “mondo” rossonero e che ha visto la maggioranza dei tifosi protestare legittimamente anche con toni sì accesi e coloriti, senza mai trascendere in offese o intimidazioni. 

A fronte di tale malcontento, si è registrata, invece la condotta tenuta dalle frange ultras del tifo organizzato, quantificabili in qualche centinaio di elementi, la cui strategia è, invece, mirata all’offesa ed alla minaccia nei confronti di giocatori e staff dirigenziale della Società. 

Proprio in questa ottica si inserisce il grave e spiacevole episodio accaduto in occasione della contestazione a margine dell’ultima partita casalinga Milan- Parma, allorquando, diversi tifosi, alcuni dei quali anche muniti di bastoni, si sono radunati scandendo numerosi cori di offesa e minaccia rivolti soprattutto ad alcuni giocatori (“SIETE UNA SQUADRA DI M..., TIRATE FUORI I C...NI, VENIAMO COI BASTONI” “VI ROMPEREMO IL C...”) mirati evidentemente ad intimidire i destinatari, al fine anche di esprimere ed oltremodo accrescere, il proprio potere, anche al cospetto della maggioranza moderata dei tifosi. 

In relazione a tali fatti sono stati deferiti in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria 35 tifosi milanisti resisi responsabili, a vario titolo, dei reati di “manifestazione non preavvisata”, “istigazione a delinquere”, “minacce aggravate da parte di più persone riunite” e “porto di oggetti atti ad offendere nell’ambito di manifestazioni sportive”. 

Dalla vicenda, oltre ai risvolti di carattere penale, scaturiranno evidentemente i conseguenti provvedimenti di Daspo (Divieto di Accesso alle Manifestazioni Sportive).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento