rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Sport

Milan, caso Pato-logico: il brasiliano sta sempre male

Ancora una volta apparso lontanissimo dai suoi livelli abituali e sostituito da Allegri già al termine del primo tempo di Milan-Juve si è rifatto nuovamente male e ne avrà ancora per molto. Sarebbe stato meglio cederlo?

Il 'Papero' di cristallo. Sembra questo il titolo della triste storia di Alexandre Pato lontanissimo dai suoi standard reali. Il brasiliano continua la sua parabola discendente: troppi infortuni e quando gioca spesso lo fa male. L'ultimo, quello di questa settimana è il tredicesimo infortunio dal gennaio 2010, per una media di sei ko a stagione.

Il nuovo problema fisico è uno stiramento alla coscia destra che lo terrà fermo almeno per 15 giorni: out per il Palermo e per l'Arsenale sicuramente poi si vedrà. A conti fatti nella stagione in corso ha già saltato 18 partite su 36, per quello che guadagna poi. Dallo stiramento alla coscia destra del gennaio 2010 allo stesso infortunio attuale ha saltato ben 50 gare ma questo non fa cambiare idea al Milan che lo considera un punto di riferimento per il futuro milanista.

Ultimamente, però, nella testa di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani circola una domanda: perché non abbiamo accettato i milioni offerti a gennaio dal Paris Saint Germani? La relazione sentimentale con Barbara c'entra ben poco ma qualcosa è successo, tra il Milan e Pato, e non è possibile che si siano dissolti improvvisamente talento e voglia di giocare. Il brasiliano ha ancora tre mesi per riscattarsi: basteranno o starà ancora male?

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milan, caso Pato-logico: il brasiliano sta sempre male

MilanoToday è in caricamento