Sport

Napoli-Milan 2-1: rossoneri meno incisivi, sesta sconfitta in campionato

Al San Paolo i padroni di casa più convincenti, vittoria meritata

Napoli-Milan (Ansa/Ciro Fusco)

In un San Paolo gremito si incontrano la prima (Napoli) e la seconda squadra del campionato per numero di tiri in porta, la prima (Napoli) e la terza per possesso palla. Il Napoli si aggiudica il match senza grosso sforzo. Entrambe le formazioni giocano un buon calcio ma i rossoneri sono nettamente meno incisivi.

Napoli-Milan, la diretta

I rossoneri devono ora interrogarsi: sei sconfitte in tredici giornate, seppure anche contro squadre come Roma, Napoli, Inter, Juventus, forse sono troppe. La conclusione della partita lascia una domanda: può, la Nazionale, restare senza Insigne (e forse anche senza Bonaventura)?

Napoli-Milan, il primo tempo

Primo episodio, al 4', un brutto fallo di Borini che "stende" Mario Rui. Prima ammonizione del match. Nelle battute iniziali i padroni di casa sono più propositivi. Il Milan si fa vedere in area avversaria con Locatelli anticipato di testa all'11'. Al 17' Kessiè "rocambola" su Hamsik, fallo netto ma senza cattiveria. Brividi però per la panchina rossonera perché Kessiè cadendo ha la peggio e rimane a lungo a terra con intervento dei medici. 

Lorenzo Insigne mette la firma dell'1-0 al 32' con "brivido" del Var, che alla fine certifica la posizione regolare dell'attaccante partenopeo, ed era la quarta o la quinta volta che il numero 24 sfuggiva (facilmente) al controllo della difesa milanista su un lancio lungo dei compagni. Eppure fino a questo momento il Milan nel complesso c'è, l'incontro è piuttosto equilibrato anche se i rossoneri non riescono ad arrivare spesso alla conclusione. Volume di gioco simile ma padroni di casa più incisivi.

Il gol "sblocca" il Napoli che ora ha maggiore scioltezza nell'azione e riesce ancor più a insidiare Donnarumma. I partenopei potrebbero raddoppiare al 44' ma, con Donnarumma fuori posizione dopo un'azione elaborata, Allan si vede respingere la conclusione in angolo. Pochi minuti dopo Insigne, lanciato direttamente da Reina, aggancia in modo magistrale e tira in rete, ma era fuorigioco. 

Al 47' Montella inserisce Andre Silva al posto di Suso, che zoppica da diversi minuti. Un attimo prima che finisca il primo tempo, è ancora Insigne a farsi pericoloso ma Donnarumma salva la porta mandando in angolo. 

Napoli-Milan, il secondo tempo

Parte alla grande il Napoli e, sull'avvio, ha una clamorosa occasione per il raddoppio: Jorginho per Insigne sulla sinistra che libera Mertens. Questi carica il destro ma Donnarumma si oppone di petto. Al 51' nuovamente pericoloso Insigne ma il portiere rossonero "vola" e respinge la palla di pugni. Al 54' il Milan trova un buono spazio sulla ripartenza ma Andre Silva prima tiene troppo a lungo il pallone, poi inventa un lancio lungo verso nessun compagno. C'era Kalinic, ma era molto più vicino.

Al 59' Borini e Kessiè giocano bene un duetto sulla destra ma il cross viene deviato dai difensori partenopei. Il Milan comincia a prendere coraggio e a organizzare alcune azioni offensive concertate e più efficaci per avvicinarsi alla porta, soprattutto grazie a Borini e alle sue incursioni sulla destra.

Al 65' il cambio "annunciato" del Napoli: dentro Maggio, fuori Mario Rui, che ha speso tante energie. E tre minuti dopo Zielinski entra al posto di Hamsik. E proprio Zielinski al 72' raddoppia in mezzo a una difesa milanista immobile e convinta che il polacco fosse in fuorigioco. Ma il Var dà ragione al guardalinee che non aveva alzato la bandierina. L'azione è originata da Insigne che gira la palla a Martens, il quale serve splendidamente Zielinski. Questi tira un diagonale inafferrabile per Donnarumma.

Al 76' Bonaventura prova all'improvviso un tiro da fuori area di esterno destro che impensierisce Reina: l'estremo difensore del Napoli manda in alto. Prima del corner entra Abate al posto di Borini. E al 77' terza sostituzione per il Napoli: entra Rog per Callejon. Al 79' Kalinic al centro dell'area colpisce di testa e manda in porta, ma nessun problema per Reina.

All'83' entra Biglia per Montolivo, molto stanco. Buona però la prestazione del regista del Milan. All'88' Kessiè si libera bene sulla destra e Abate crossa ma non c'è nessuno a raccogliere. Al 91' gli sforzi del Milan vengono premiati e Romagnoli accorcia le distanze raccogliendo un pallone allontanato dalla difesa del Napoli e tirando un bel sinistro. Al 94' punizione di Biglia dalla tre quarti con Donnarumma pronto a saltare coi compagni, ma l'argentino butta letteralmente via l'ultima occasione del match.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Napoli-Milan 2-1: rossoneri meno incisivi, sesta sconfitta in campionato

MilanoToday è in caricamento