menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una immagine della partita (foto Ea7)

Una immagine della partita (foto Ea7)

Eurolega, il Maccabi beffa l'Olimpia

I biancorossi hanno perso il primo scontro dei quarti di finale contro il Maccabi: al termine della partita il tabellone segnava 99-101

Una beffa in una serata da brividi. L’Olimpia comanda tutta la partita, anche di 13 punti, sembra averla vinta sull’82-70 del gioco da quattro punti di David Moss. Fa tutte le cose giuste, con sei uomini in doppia cifra e ha tantissimo dai due centri Lawal e Samuels. Ma gli episodi la bastonano quando arriva un fallo antisportivo sul più cinque fischiato a Melli e un gioco da tre punti di Rice che porta avanti il Maccabi. Poi ci sono gli errori dalla lunetta che il Maccabi non commette mentre l’EA7 sbaglia con Jerrells e poi Langford sbaglia il match-point sulla parità. Nel supplementare, l’orgoglio riporta Milano avanti, tripla di Jerrells, ma in quel momento le due guardie Rice e Hickman sono padrone della partita e la chiudono su un raggelante 101-99 dopo un overtime. Maccabi 1-0 nella serie.

IL PRIMO TEMPO – David Blatt prova a partire con Zizic in quintetto e Schortsianitis in panchina ma torna subito sui suoi passi. La taglia fisica del centro del Maccabi è impressionante anche rispetto a Samuels che prova a usare il jump. Quando lo mette, dalla media, è 7-6 Olimpia, a metà del primo periodo. Schortsianitis segna 7 punti rapidi, l’attacco del Maccabi è lui. La seconda tripla di Moss vale il 12-10, Blu risponde con la stessa moneta. Lo fa due volte, ma Melli punisce la difesa del Maccabi dall’angolo e frontalmente e riporta avanti l’Olimpia sul 20-15. La terza mette Jerrells dopo il terzo canestro di fila di Blu. 23-19 Olimpia alla fine del primo quarto. Quattro liberi di fila di Gani Lawal spingono l’EA7 al massimo vantaggio ma sono solo sei punti, sul 27-21. Ma il Maccabi trova un canestro da tre spaziale di Joe Ingles e nonostante una frazione di quarto straordinaria di Lawal (che stoppa anche tutto), a metà del secondo è di nuovo 31 pari. Kangur dall’angolo e Jerrells in step-back segnano due volte da tre dopo una stoppata siderale di Lawal su Tyus. Blatt chiama time-out e l’Olimpia risale a più sei, sul 37-31. Schortsianitis torna in campo, mostra i muscoli, schiaccia, tiene il Maccabi a meno sei, poi Lawal stoppa anche lui e in contropiede arriva prima di tutti per schiacciare il pallone del 43-35 con 1’43” da giocare nel secondo. Ma il Maccabi con pazienza ritrova Schortsianitis due volte vicino a canestro: il greco produce cinque punti e riporta i suoi a meno tre sul 43-40. Jerrells in entrata e poi Keith Langford, bruciando l’orologio dei 24”, chiudono il primo tempo sul 47-42 Olimpia.

IL SECONDO TEMPO – Langford parte segnando da tre, Melli strappa un rimbalzo in attacco a Blu, il vantaggio torna per un attimo a quota otto. Schortsianitis riavvicina il Maccabi, ma Samuels usa lo spazio che gli concede per segnare da tre il 54-45 del massimo vantaggio sul quale Langford costruisce il +12 pochi secondi dopo forzando il time-out Maccabi. La terza tripla di Melli produce il 60-47 dal quale il Maccabi rimbalzi con un 4-0 che lo riporta sotto la doppia cifra di scarto. Samuels si vede annullato il canestro del +13 ma lo firma dalla lunetta un possesso dopo quando strappa un gran rimbalzo in difesa. Un altro tap-in di Samuels porta l’EA7 alla fine del terzo quarto sul 70-58 con un periodo da 10 punti di Langford. Il quarto periodo è favorevole al Maccabi che trova una tripla di Hickman e un canestro di tabella di Ohayon. In due minuti il vantaggio dell’EA7 scende a sette punti, sul 72-65. E’ Hackett qui a riprendere in mano la squadra prima con un canestro di forza poi con uno straordinario assist per Lawal. L’Olimpia torna oltre la doppia cifra di vantaggio e ripristina 13 punti di vantaggio dopo due liberi di Kangur (78-65). Ma Devin Smith brucia l’orologio dei 24” da tre. A 4 minuti dalla fine, il Maccabi rientra a meno otto. David Moss rientra con tre falli e dall’angolo sinistro firma il canestro da 4 punti del nuovo 82-70. L’Olimpia conserva 12 punti entrando negli ultimi due minuti di gara. Hickman, protagonista del finale, attacca Melli sul mismatch e completa il gioco da tre punti che riporta il Maccabi a meno sette sull’84-77, poi segna da tre e firma il meno quattro. Il finale è rocambolesco: Jerrells mette un libero, per il +5, il Maccabi a fatica rimette ma su Rice c’è un antisportivo involontario di Melli che offre una grande chance al Maccabi. Rice fa 2/2 poi segna, Hackett  mette un solo libero. Rice con un gioco da tre punti sorpasso a 11 secondi. Langford viene stoppato da Tyus ma prende un fallo, mette un libero e impatta a 87. Overtime.

IL SUPPLEMENTARE – Alex Tyus sbaglia il tiro libero del rapido più cinque Maccabi. L’Olimpia, stanchissima, si aggrappa all’orgoglio. Torna a meno due due volte. Samuels con il mezzo gancio pareggia a 1’10” dalla fine. Rice devastante segna ancora. Jerrells da tre supera sul 96-95. Hickman risponde dalla lunetta a 24 secondi. E allunga poco dopo sul 99-96. Sul fallo tattico, Langford accorcia a meno uno. Ma Hickman torna in lunetta e non sbaglia. Langford prende un altro fallo, segna il primo libero, sbaglia volontariamente il secondo, Lawal riesce a prendere il rimbalzo ma è in terra, non ci sono fischi e vince il Maccabi (fonte: OlimpiaMilano.com)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento