Sport

Milano ko a Lubiana 82 a 75

Alla Stozice arena di Lubiana non riesce la rimonta all'Olimpia. Dopo essere stati in vantaggio anche di 9 lunghezze nell'ultimo quarto, i ragazzi di coach Piero Bucchi si sono arresi sul punteggio di 82-75

Milano stecca a Lubiana e senza Pecherov, Petravicius e Maciulis, esce sconfitta per 82 a 75. Al di là del risultato che complica decisamente il cammino europeo vanno registrati i grossi passi in avanti di Niccolò Melli, decisivo nel suo impatto sulla partita soprattutto nel terzo quarto e autore di ben più di una giocata importante su entrambi i lati del campo.

L'Olimpia parte a rilento e paga caro il divario di centimetri e chili sotto canestro. Kenny Gregory e Kevin Pinkney mettono in difficoltà la difesa meneghina. In attacco Mancinelli e Hawkins sonnecchiano e impediscono di piazzare il parziale che servirebbe per rientrare in partita. L'Armani Jeans, non molla e  cresce con il passare dei minuti e dopo l'intervallo cambia marcia: il tiro da fuori fa la differenza e dopo il primo piccolo break creato da Marco Mordente ci pensano il redivivo Mancinelli e soprattutto un sorprendente Niccolò Melli a completare l'opera: Armani Jeans sopra di 6 a fine terzo quarto.

Coach Jore Zdovc però cambia di nuovo il match e si affida ai centrimetri di Shermardini per creare scompiglio nell'area pitturata di Milano. Bucchi abbassa il quintetto e rinuncia a Mason Rocca dopo il terzo fallo del nativo dell'Illinois. Milano ne approfitta e a metà quarto quarto raggiunge a +9 il massimo vantaggio della sua partita. Il miracolo sembra a portata di mano. Invece cambia tutto e la luce si spegne. La differenza la fa la diversa lucidità nel gestire la partita: da una parte il veterano Jagodnik, protagonista all'andata, mette a referto i punti che pesano davvero. Morris Finley, non è all'altezza e mostra la sua faccia peggiore e colleziona 4 palle perse consecutive che scavano definitivamente la fossa a Milano. Lubiana vince e proprio come all'andata il sapore che rimane in bocca è quello amaro dell'occasione persa. Ora a Milano serve l'impresa contro l'Efes.

TABELLINO:

Olimpija Lubiana: Perry 8, Ilievski 14, Anagonye ne, Gregory 17, Salin 6, Jagodnik 15, Shermadini 7, Pinkney 6, Markota 7, Lorbek ne, Ozbolt, Vrkic 2. All. Zdovc.

Olimpia Armani Jeans Milano: Mancinelli 10, Mordente 8, Finley 16, Jaaber 5, Rocca 6, Melli 13, Ganeto, Van Den Spiegel, Nardi 3, Hawkins 14. All. Bucchi.

Girone D

CSKA Mosca-Panathinaikos Atene 68-72
Power Elec. Valencia-Efes Pilsen Istanbul 62-56
Union Olimpija Lubiana-AJ Milano 82-75

Classifica
Panathinaikos Atene 10; Union Olimpija Lubiana 10; Efes Pilsen Istanbul 8; AJ Milano 6; Power Elec. Valencia 6; CSKA Mosca 2

Prossimo turno
AJ Milano-Efes Pilsen Istanbul; CSKA Mosca-Power Elec. Valencia; Panathinaikos Atene-Union Olimpija Lubiana

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano ko a Lubiana 82 a 75

MilanoToday è in caricamento