rotate-mobile
Sport

Parma-Inter 2-0 | Addio Scudetto: nerazzurri ko

Al 'Tardini' l'Inter si scioglie come la neve e, dopo la Champions League, saluta anche lo Scudetto. I nerazzurri non tirano quasi mai in porta. Ora si pensa alla Coppa Italia

La vittoria interna sul Chievo, anche se ottenuta senza incantare, ha rimesso in carreggiata l'Inter soprattutto da un punto di vista psicologico, dopo le pesanti sconfitte in Champions League con lo Schalke e in campionato con il Milan. Ora la squadra di Leonardo insegue il Napoli (a +2) e il Milan (a +5) ma non è questa la giornata giusta per recuperare punti ai rossoneri, che ospitano la Sampdoria. Momento difficile in casa Parma: Colomba, subentrato a Marino, non è ancora riuscito a ridare fiducia alla squadra, che domenica ha perso male a Roma contro la Lazio e ora è a +1 sulla terzultima, insieme alla Sampdoria. I gialloblù sono in serie negativa da due turni e in casa non vincono da ben cinque giornate, nelle quali hanno messo insieme 2 pareggi e 3 sconfitte.

PRIMO TEMPO - Succede poco nei primi 45 minuti. La partita è brutta e noiosa e il ritmo è basso. L'Inter non tira mai se non con Stankovic che prima prende un clamoroso incrocio dei pali su punizione dai 30 metri e poi impegna Mirante in un parata plastica. Il Parma, dal canto suo, si difende con ordine ma riparte male, con troppi errori. Al 35', cambia però il match: cross sbilenco di Zaccardo, Modesto ci crede sul secondo palo rimette al centro dove Giovinco anticipa tutti e infila Julio Cesar con un diagonale di sinitro. Crociati avanti. La reazione dei nerazzurri non si vede e i gialloblu controllano con una certa facilità. L'Inter, trascinata dal solo Stankovic, non produce nulla e così si va al riposo col Parma in avanti.

SECONDO TEMPO -  I nerazzurri non possono fare a meno di Motta e Maicon, figuriamoci di Snejider anche se i tre non stanno giocando al meglio. Leonardo se ne accoge e toglie Chivu inserendo l'olandese. Al 12', assist di testa di Cambiasso e Mirante anticipa con i pugni Ranocchia ed Eto'o pronti alla deviazione sotto misura. Al 14', Snejider sfiora il pari con un diagonale che fa la barba al palo. I nerazzurri attaccano, ma il Parma in contropiede può far male. Leonardo cambia in attacco, con l'ingresso di Milito cerca maggiore freschezza rispetto ad un appannato Pazzini. Alla mezzora, sugli sviluppi dell'angolo la palla giunge sul secondo palo a Lucarelli che viene messo a terra da Lucio, l'arbitro non fischia il rigore che forse c'era. L'Inter, nonostante l'ingresso di Pandev, sembra non averne già più. Amauri, a quattro minuti dal 90', raddoppia di destro. Sullo 0-0 gran calcio di punizione di Stankovic, che colpisce l'incrocio dei pali da 25 metri. Inter ko e Scudetto addio.

TABELLINO

PARMA-INTER 2-0
Parma (4-3-2-1): Mirante; Zaccardo, Paletta, Lucarelli, Gobbi; Morrone, Dzemaili,  Modesto; Giovinco, Candreva (20' st Valiani); Amauri. A disp.: Pavarini, Pisano, Galloppa, Nwankwo, Crespo, Bojinov. All.: Colomba
Inter (4-2-2-2): J. Cesar; Nagatomo, Lucio, Ranocchia, Chivu (1' st Sneijder); Zanetti, Cambiasso; Kharja, Stankovic; Pazzini (16' st Milito), Eto'o. A disp.: Castellazzi, Materazzi, Mariga, Pandev, Obi, Milito. All.: Leonardo
Arbitro: Rocchi
Marcatori: 35' Giovinco; 86' Amauri;
Ammoniti: Ranocchia (I); Zaccardo (P)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parma-Inter 2-0 | Addio Scudetto: nerazzurri ko

MilanoToday è in caricamento