Lunedì, 21 Giugno 2021
Sport

Real - Milan 2-0: Ronaldo-Ozil e in due minuti Mourinho fa piccolo Allegri

Minuto 13: Ronaldo su punizione dal limite sblocca il risultato. Minuto 14: Mezut Ozil fredda Amelia, complice una deviazione di Bonera. Il Milan? Poco speciale e assai normale

Ride Mourinho, piange Allegri. Il Santiago Bernabeu ridimensiona il Milan e lo fa tornare bruscamente sulla terra, palesando tutti i limiti di un modulo troppo presuntuoso e troppo sbilanciato in avanti per una squadra che senza Thiago Silva è apparsa sguarnita e insicura. Di fronte un Real normale, ancora lontano dall'essere speciale, ma assai pragmatico. Quel pragmatismo che ha fatto grande l'Inter e che in questa terza giornata di Champions ha fatto piccolo il Milan. Una sconfitta che rimette in gioco la qualificazione, con l'Ajax che agguanta i rossoneri e mette la freccia considerando che in vista c'è il ritorno tra Milan e Real.

PRIMO TEMPO - Poco Milan e tanto Real nel primo tempo. Le merengues imbrigliano i rossoneri e ripartono con Di Maria e soprattutto Ronaldo. E' proprio il portoghese a sbloccare il risultato con uno dei suoi pezzi forti, la punizione del limite. Amelia è annichilito, il Bernabeu in visibilio. Neanche il tempo di rifiatare che Ozil si ritrova la palla sul destro e con un bel tiro fa secco Amelia, complice una deviazione di Bonera.

Ancora Ronaldo e Ozil rischiano di fare capitolare il Milan, ma Amelia è bravo a respingerne le conclusioni. Il Milan si affaccia dalle parti di Casillas al 34'. Bellissimo il tiro di Pirlo, decisiva la deviazione di mister Carbonero che manda la sfera sulla traversa. Poco dopo è Seedorf a mandare alta la palla da ottima posizione.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa il Real sembra abbassare i ritmi, ma il Milan non ne approfitta. Ti aspetti che Allegri estragga il coniglio dal cilindro, ma basta che Mourinho alzi la voce che Khedira e Xabi riprendono a stritolare Pirlo e Ronaldinho in una morsa che toglie fiato alla manovra meneghina.

Un pressing efficace che arma le volate di Cristiano Ronaldo e Di Maria che fanno girare la testa ad Antonini e Zambrotta. Così a sfiorare il gol è prima Higuain e poi Ronaldo. Entrambi però sono poco precisi. Entrano Boateng, Robinho e Inzaghi ma la musica non cambia. Il Real arriva al 90' in carrozza. Il Milan torna a casa con la testa bassa e tanti dubbi in più.

TOP - Pirlo 6: l'unico a provarci, l'unico a provare scrollarsi di dosso il pressing di Khedira e Xabi.

FLOP - Ibrahimovic 4,5: le prime due apparizioni in Champions sembravano averne cambiato i destini europei. Stasera invece è sembrato più simile al giocatore visto nei due match tra Barca e Inter della scorsa stagione. Anonimo, svogliato, incapace di far cambiare ritmo. Inutile


Antonini 4,5: Manca ancora di dimensione internazionale. Il Real dalla sua parte fa quello che vuole. Da rivedere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Real - Milan 2-0: Ronaldo-Ozil e in due minuti Mourinho fa piccolo Allegri

MilanoToday è in caricamento