Sport San Siro / Via Patroclo

Milan e Inter: San Siro ancora stadio comune per molto tempo?

La società rossonera sempre più lontana dal Portello

San Siro (Foto Gilbert Sopakuwa, Flickr creative commons)

Chi azzardava che, dietro all'assegnazione del Portello al Milan per il nuovo stadio, ci fossero i buoni rapporti tra Fondazione Fiera (con il suo presidente Benito Benedini) e la società di via Aldo Rossi (famiglia Berlusconi), è stato smentito dai fatti. E - azzardiamo noi - magari è rimasto un po' deluso che il suo teorema, fatto di illazioni, non si sia verificato. 

Fatto sta che lo stadio del Milan al Portello è sempre più lontano. Subito dopo l'assegnazione erano partite le lettere e le controlettere, cioè la 'guerra' tra Milan e Fondazione Fiera sulla questione delle bonifiche. La società rossonera avrebbe voluto verificare lo stato del terreno per capire una quantificazione prima di scrivere nero su bianco i dettagli del contratto, ma la proprietà dell'area non ha voluto saperne. E così il tempo è passato senza novità ulteriori.

La famiglia Berlusconi era già divisa, di fatto, tra i figli maggiori (che controllano Fininvest), contrari al progetto, e Barbara, amministratore delegato del Milan, grande fautrice del nuovo stadio. Di mezzo si sarebbe messo anche Bee Taechaubol, il finanziere thailandese che sta per comprare il 48% della società rossonera, affezionato al "brand" di San Siro. 

Lo stadio di San Siro è l'altra faccia della medaglia. Oggi co-gestito da Milan e Inter, così com'è rappresenta un "modello del passato". Le due società non hanno mai discusso di creare - da zero - uno stadio in comune, anche perché gli stadi europei di nuova concezione garantiscono introiti per 80-100 milioni all'anno alla società proprietaria. Potrebbe, a Milano, uno stadio comune garantire il doppio? Questa è la domanda la cui risposta (che gli esperti ritengono negativa) fa propendere per la "divisione consensuale".

Il punto, però, è che siamo ripartiti all'anno zero. Con il Milan che abbandona il Portello, nessuna delle due società ha un "piano" per lasciare il Meazza. Che quindi potrebbe continuare ad essere, ancora per parecchi anni, l'unico punto di riferimento dei colori calcistici milanesi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milan e Inter: San Siro ancora stadio comune per molto tempo?

MilanoToday è in caricamento