menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Festa scudetto

Festa scudetto

Scudetto basket all'Olimpia Milano dopo 18 anni

I toscani si sono arresi solo alla "bella", persa al Forum per 74-67, al termine di una partita, di un'intera stagione, giocata al di sopra delle proprie possibilita'. Milano, 18 anni dopo, sul tetto d'Italia

Milano ha vinto venerdì 27 giugno il suo 26esimo scudetto ma per avere la meglio sulle rivali ha dovuto giocare 18 sofferte gare di playoff: 5 ai quarti contro Pistoia, 6 al turno successivo con Sassari e infine 7 nella finale infinita contro Siena, che dopo altrettanti anni al vertice cede il titolo.

I toscani si sono arresi solo alla "bella", persa al Forum per 74-67, al termine di una partita, di un'intera stagione, giocata al di sopra delle proprie possibilita', ben al di la' di quello che era il potenziale del roster. Milano invece ha trovato alla fine il modo di fare fruttare il suo, regalando al patron Armani, e a un'intera citta', uno scudetto che mancava dal 1996.

Dopo 18 anni di digiuno, l'EA7 ora maggiorenne di Banchi conquista lo scudetto contro la compagine che glielo aveva negato in tutte e tre le ultime finali giocate. E' proprio il coach toscano, che sulla panchina della Mens Sana sedeva fino allo scorso anno, a portarsi dietro il titolo anche a Milano: il primo nella storia del club a riuscirci all'esordio da capoallenatore. Brucia ancora il tiro di Jerrells nella mente dei toscani, pesa sulle loro gambe.

L'avvio e' tutto per i padroni di casa, con la difesa a togliere aria all'attacco senese e il trio Gentile-Langford-Samuels a scavare il primo importante solco in doppia cifra (piu' 13, massimo vantaggio). All'uscita dagli spogliatoi pero' l'EA7 sbanda, come spesso le e' accaduto quest'anno, e prende un'imbarcata fatale nel terzo periodo.

Subisce 25 punti in 10 minuti e da piu' 12 si ritrova sotto di 8, stordita dai canestri di Hunter, Carter e Green (migliore in maglia Montepaschi con 15 punti). Nell'ultima frazione la svolta. Jerrells pareggia con una tripla delle sue e poi la gira Gentile con una serie di canestri da fuoriclasse: 18 punti per lui, miglior marcatore. L'affondo finale e' di Moss (tripla tombale dall'angolo) e Hackett, che in entrata rida' il vantaggio decisivo. Per chiudere in bellezza il numero 5 in maglia Armani, a poche ore da un draft NBA che l'ha visto selezionato con la scelta numero 53 dai Minnesota Timberwolves (poi subito girata agli Houston Rockets), spegne il canto della Verbena con una schiacciata finale. Per pensare all'America pero' ci sara' tempo.

Ora il Capitano e i suoi vogliono solo godersi lo scudetto e festeggiare. Magari con papa' Nando, che della Stefanel vincente nella stagione 1995-96 era proprio il capitano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento