Video, gol e sintesi partita Milan-Inter 0-3

La cronaca e gli highlights del derby di ritorno per la Serie A

 

Inizia con un minuto di raccoglimento per ricordare l'ex calciatore dell'Inter Mauro Bellugi, scomparso per Covid, il derby di Milano che, dopo nove anni, è da "scudetto" con le due squadre prima (l'Inter) e seconda (il Milan) a un solo punto di distanza prima del fischio d'inizio: i nerazzurri hanno appena superato il Milan in classifica ma i derby, come si sa, sono "partite a parte". Alla fine i nerazzurri vincono nettamente, e meritatamente, per 3 a 0 e allungano ulteriormente sui rivali in classifica.

Video | Lukaku & co, che festa nello spogliatoio

Vantaggio Inter all'avvio

Nel silenzio ovattato del Meazza senza spettatori (gli ultras si sono però "scatenati" prima del match, all'esterno), l'Inter impiega quattro minuti per passare in vantaggio: gol di Lautaro di testa, con iniziativa di Lukaku che non ci mette molto a trovare sulla destra un corridoio tra la difesa dormiente rossonera. Al 15' Ibra prova a risolvere schiacciando di tacco la palla in area di porta dopo un'azione molto confusa, ma Handanovic blocca. Al 26' Lukaku manca di un soffio il raddoppio: non riesce ad agganciare un cross a un passo da Donnarumma e la palla scivola via verso il fondo.

Si fa vedere il Milan

Al 32' la prima vera occasione per il Milan, ma Theo Hernandez non concretizza il bell'anticipo in area e, pur con Handanovic spiazzato, il suo tiro finisce di poco fuori. Tre minuti più tardi Perisic si libera di Calabria e tira, Donnarumma (200 presenze in Serie A per luii, a meno di 22 anni) respinge e Lautaro spara alto da distanza ravvicinata. Il Milan chiude in avanti e più sicuro di sé un primo tempo che all'inizio ha visto il dominio incontrastato nerazzurro. Ma l'ultimo affondo, al 46', è di Srkiniar di testa da punizione. Lo slovacco manca lo specchio della porta e le squadre vanno al riposo sullo 0-1.

L'Inter allunga

Milan di un'altra pasta in avvio ripresa. Al 47' Ibra di testa costringe Handanovic a respingere d'istinto da pochi passi; subito dopo, Tonali dà brividi alla difesa nerazzurra inserendosi centralmente e tirando un violento pallone che Handanovic riesce a sventagliare in corner. Ma al 56' c'è il raddoppio di Lautaro, che raccoglie da centro area un passaggio arretrato dopo un blitz verso la porta del Milan di Hakimi. E al 65' fa tutto Lukaku in un repentino cambio di fronte, con un potente tiro sul primo palo che significa 0-3. All'82' guizzo di Calhanoglu ma il pallone vola alto. All'88' Rebic si fa parare il tiro da un pronto Handanovic. Nulla da fare per i rossoneri: è solo abbozzato il tentativo di "assedio" finale. Il triplice fischio decreta la supremazia nerazzurra e della coppia d'attacco. Almeno in questo derby e in questa fase di campionato.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento