rotate-mobile
Volley

Serie A1 femminile, l'Allianz Vero Volley Milano cade ancora e scatta l'allarme

Seconda sconfitta di fila per le rosa dopo quella di Conegliano. Cazaute assicura: "In Coppa Italia sarà diverso"

In casa Allianz Vero Volley Milano si accende un campanello d'allarme, forse più di uno. La seconda sconfitta di fila dopo quella netta di Conegliano fa tornare le rosa alla stregua della squadra di inizio stagione, ovvero soggetta a sfilacciarsi nei momenti difficili. Il tutto è giustificabile soltanto in parte dall'assenza di Nika Daalderop, ai box per un problema alla spalla: al di là del discorso tecnico è stato il fattore mentale a condizionare il risultato finale, che è stato di 3-2 per la Igor Novara.

Quest'ultima, pur priva di pezzi da novanta come Bosetti e Chirichella, è stata brava a serrare le fila ma soprattutto a mostrarsi più squadra e, seppure al tie break, è stata brava a portarsi a casa meritatamente la vittoria. A brillare è stata Vita Akimova, 23 punti ed MVP, ma è stato tutto il gruppo allenato da Lorenzo Bernardi sul piano della determinazione e della compattezza a superarsi. 

Al contrario le rosa si sono affidate alle iniziative individuali come quelle di Paola Egonu, i cui 28 punti realizzati sono serviti a portare a casa solo un punto da un Allianz Cluod tutto esaurito ma che a fine gara si è dimostrato completamente ammutolito.

Anche il secondo posto è a rischio, con Orro e compagne che dovranno difenderlo dall'assalto di Novara e Scandicci, ma sarà necessario riorganizzarsi al più presto. La Coppa Italia bussa alle porte e andrà affrontata con uno spirito decisamente diverso. 

La partita

Il sestetto iniziale prevede Egonu opposta a Orro, Heyrman e Folie al centro, Sylla e Bajema in banda e Castillo libero.

Partono meglio le padrone di casa con Heyrman (3-1). Out il primo attacco di Egonu (3-3), non quello di Bajema (5-3). Le azzurre sono decise a combattere e con il muro di Bosio azzerano il gap (10-10). Buijs allunga (11-13), di Sylla la nuova parità (13-13). Milano riesce a mettere il naso avanti con il muro della stessa Sylla ai danni di Akimova (14-13), ma deve fare i conti con la volitiva formazione novarese, che prima con Buijs e poi con un errore in attacco di Bajema scappa ancora (15-18). Sylla però è indemoniata e ricuce lo strappo (23-23), prima dei vantaggi che terminano con l'ace di Szakmary (27-29). 

Rosa chiamate a reagire e che tentano di ripartire con Bajema (4-2). Il muro di Heyrman vale l'11-8. Egonu manda fuori (11-11) ma si rifà con un ace che tocca il nastro e termina nel campo avversario (13-13). Akimova si dimostra tutt'altro che arrendevole e l'equilibrio torna a regnare (13-13). Break Milano con l'errore di Bonifacio (20-17), che poi si riscatta (20-19). La svolta nel finale con il muro di Cazaute (22-19), con l'errore di Akimova che chiude il secondo set sul 25-19. 

La parità ritrovata dovrebbe dare nuovo slancio alle rosa, ma accade l'esatto contrario. Una sequela di errori, uniti alla vena di Bujis e Szakmary, portano il punteggio sul 2-9. Akimova regala a Novara il massimo vantaggio (9-20), ma Egonu infiamma l'Allianz Cloud con alcune pregevoli iniziative (18-24); l'ace di Cazaute fa sperare in un miracolo (19-24), ma il mani out di Szakmary riporta le azzurre avanti (19-25).

Egonu protagonista in avvio di quarto set (5-1), Akimova e Bonifacio sono tutt'altro che arrendevoli (5-6). Sylla commette infrazione di doppio palleggio e si va sul 9-9. Le due squadre ingaggiano un doppio punto a punto fino al colpo di Akimova che significa 14-16. Rettke si accende e dapprima pareggia (17-17), poi sigla un importante allungo (21-18), con il turno in battuta di Cazaute decisivo. Novara tenta di rientrare, ma l'errore al servizio di Bonifacio pone fine alla rincorda (25-22).

Inevitabile il tie break che si apre con il muro di Buijs ai danni di Egonu (2-4). Di Szakmary la serie che porta le azzurre al cambio di campo (5-8). L'ungherese è croce e delizia: dapprima sbaglia un appoggio centrando la rete, poi mette a segno un muro di importanza capitale per le novaresi (11-14). L'errore al servizio di Cazaute chiude la contesa (12-15). 

I commenti dei protagonisti

Helena Cazaute esprime le sue sensazioni al termine del match: "Peccato per il risultato di stasera. Novara ha giocato bene, sono state brave soprattutto a muro. Ora ci aspetta la final four di Coppa Italia dove metteremo tutto il nostro cuore e la nostra energia".

Il tabellino

Allianz Vero Volley Milano-Igor Gorgonzola Novara 2-3 (27-29; 25-19; 19-25; 25-22; 12-15) 

Allianz Vero Volley Milano: Cazaute 9, Malual, Heyrman 4, Folie 5, Orro, Rettke 11, Bajema 5, Sylla 20, Egonu 28, Candi 3, Castillo (L). Non entrate: Prandi, Pusic (L), Daalderop. All. Gaspari.
Igor Gorgonzola Novara: Szakmary 14, Bosio 3, De Nardi, Bujis 15, Fersino (L), Danesi 8, Bonifacio 14, Akimova 23. Non entrate: Guidi, Bartolucci, Bosetti (L), Chirichella, Kapralova. All. Bernardi

NOTE

Arbitri: Alessandro Pucher, Alessandro Cavalieri

Spettatori: 5253

Durata set: 33', 28', 27', 30', 19'. Tot: 2h30'

Allianz Vero Volley Milano: battute vincenti 3, battute sbagliate 16, muri 12, errori 33, attacco 46%
Igor Gorgonzola Novara: battute vincenti 4, battute sbagliate 10, muri 8, errori 23, attacco 43%

MVP: Vita Akimova (Igor Gorgonzola Novara)

Impianto: Allianz Cloud - Milano

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie A1 femminile, l'Allianz Vero Volley Milano cade ancora e scatta l'allarme

MilanoToday è in caricamento