Lunedì, 20 Settembre 2021
MilanoToday

“Tango absinthe”, il tango della diaspora di Paola Fernandez Dell’Erba e Hernàn Fassa venerdì 30 luglio a Paderno Dugnano

Musica dal vivo nella suggestiva cornice del Parco Lago Nord di Paderno Dugnano. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

PADERNO DUGNANO (MI) – Cinema all’aperto, spettacoli di cabaret, letture e attività per bambini, birrette, food truck e musica dal vivo: anche quest’anno il Comune di Paderno Dugnano ha organizzato un fitto cartellone di eventi, ribattezzato “Let’s Summer”, per vivere nel segno della socialità, della condivisione e del divertimento, in sicurezza, le sere d’estate dopo i lunghi e difficili mesi di stop imposti dalla pandemia. In particolare, per quanto riguarda la musica, venerdì 30 luglio nell’anfiteatro del Parco Lago Nord è in programma l’evento intitolato “Tango Absinthe” (ore 21; ingresso libero con prenotazione obbligatoria su www.tilane.it): Paola Fernandez Dell’Erba (voce, elettronica) e Hernàn Fassa (pianoforte, elettronica), musicisti argentini da anni residenti in Italia e molto attivi a livello internazionale, porteranno in scena il “tango della diaspora” o più semplicemente il tango che, partito da Buenos Aires, ha viaggiato in ogni dove e si è contaminato con altre culture e, soprattutto, con quelle musiche dei porti ai quali è arrivato diventando altro da se stesso, arricchendosi o giocando con lo stereotipo del tango che il mondo ha conosciuto fin dai primi del ’900. Tango-fusion, dunque, che si mescola con l’elettronica, la musica ambient, il lounge, il rock, il cabaret tedesco degli anni ’40, il jazz, il punk e molto altro. L’Absinthe, l’assenzio, la bevanda favorita dei poeti maledetti, chiamata la “fata verde” per il suo potere trasportatore, è stato anche musa di tanti compositori di tango che hanno frequentato Montmartre nei primi anni del ‘900. Il tango e l’assenzio hanno una storia parallela che si snoda tra proibizionismi e ispirazione, tra bohemia e poesia, tra Parigi e Buenos Aires. L’Absinthe, l’assenzio, la bevanda favorita dei poeti maledetti, chiamata la “fata verde” per il suo potere trasportatore, è stato anche musa di tanti compositori di tango che hanno frequentato Montmartre nei primi anni del ‘900. Il tango e l’assenzio hanno una storia parallela che si snoda tra proibizionismi e ispirazione, tra bohemia e poesia, tra Parigi e Buenos Aires. Ma “Tango Absinthe” è anche un gioco di parole che richiama l’assenza, tematica ricorrente nelle poesie tanghere, e “synth”, sintetizzatore, per sottolineare il carattere “nuevo” della proposta musicale di Paola Fernandez Dell’Erba e Hernàn Fassa, che - come detto - fonde la musica argentina tradizionale con i suoni elettronici, la musica ambient, il jazz, il rock ma non solo. Infine, nel centenario della nascita di Astor Piazzolla, Paola Fernandez Dell’Erba e Hernàn Fassa proporranno un omaggio al grande compositore argentino che rivoluzionò questo genere, dando vita al Tango Nuevo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Tango absinthe”, il tango della diaspora di Paola Fernandez Dell’Erba e Hernàn Fassa venerdì 30 luglio a Paderno Dugnano

MilanoToday è in caricamento