rotate-mobile

Con i soldi delle rapine compravano droga e armi: arrestata una banda italo-albanese | Video

Ventisette italiani e sei albanesi sono stati raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare in seguito ad una indagine durata tutto il 2015 e relativa allo spaccio di droga. Dei trentatré, nella mattinata dell'11 aprile ne mancano cinque all'appello, che gli uomini della squadra mobile - guidati da Lorenzo Bucossi - stanno cercando, tra la Brianza, la Comasina e il quartiere Tessera di Cesano Boscone. L'indagine è stata coordinata, in procura, da Marcello Tatangelo e Ilda Boccassini. 

Tutto è iniziato con l'indagine a carico di alcuni rapinatori che reinvestivano i proventi nel traffico di droga e nello spaccio in due quartieri della criminalità "storica" milanese, Tessera e Comasina. I gruppi di spaccio sgominati sono due, distinti tra loro, nei due quartieri; e gli albanesi rappresentavano un livello "superiore" rispetto a quello degli italiani. In pratica, gli albanesi si occupavano di approvvigionare la droga (cocaina e marijuana), importandola prevalentemente dall'Olanda.

Nel corso dei mesi d'indagine sono state messe a segno diverse "mini operazioni", ovvero sequestri (di droga e contanti, talvolta anche di armi) e arresti, nei due quartieri e anche in zone della Brianza. In totale, sono stati sequestrati venti chili di cocaina, quaranta chili di marijuana e cinquecentomila euro in contanti. E poi beni mobili e immobili (una decina di case e box, una dozzina di automobili) per un valore di oltre un milione di euro. Ancora, trentadue conti correnti ancora da analizzare.

E infine, sono state trovate armi. Una pistola semiautomatica ma soprattutto una mitraglietta a scoppio: quest'ultima fa pensare certamente ad una banda strutturata, capace di reperire un'arma non facile da trovare sul mercato nero. 

Si parla di

Video popolari

Con i soldi delle rapine compravano droga e armi: arrestata una banda italo-albanese | Video

MilanoToday è in caricamento