Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Racket" delle occupazioni, le intercettazioni: "C'è Aler, non aprite e fate silenzio eh". Video

 

Nove persone - sette italiani, un colombiano e un peruviano - sono state arrestate all'alba di giovedì dai carabinieri del comando provinciale di Milano con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata all'occupazione abusiva di immobili di proprietà pubblica e alla resistenza a pubblico ufficiale. I nove finiti in manette, sei donne e tre uomini, stando a quanto riferito dagli stessi militari, appartengono "all'area antagonista milanese" dei quartieri Giambellino e Lorenteggio. 

Il gruppo è accusato di aver favorito l'occupazione di alcuni appartamenti dell'Aler in cambio di consensi da parte di famiglie che erano rimaste senza un tetto sulla testa. 

Nel video una telefonata intercettata tra un occupante abusivo e una ragazza del comitato, evidentemente preoccupata per la presenza di ispettori Aler. 

"Ci accostano al racket. Sono semplicemente ridicoli - la difesa del comitato abitanti Giambellino e Lorenteggio -. Chiunque abbia un po' di sale in zucca conosce la differenza fra lottare ed essere un racket. Noi non abbiamo mai preso soldi per nulla, perché noi non siamo una cricca di mafiosi, ma un comitato di solidarietà. E la differenza fra queste due cose è abissale. Rispediamo quindi al mittente con una grassa risata questa infame accusa. Ritentate, sarete più fortunati". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento