rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024

Milano, la protesta degli artisti di strada: "Assurdo il divieto di esibirci". Video

Le performance di suonatori, mimi e giocolieri sono state equiparate ai concerti dal vivo e perciò vietate su tutto il territorio comunale dalla Prefettura

Un divieto incomprensibile. Così gli artisti di strada giudicano la decisione della Prefettura di vietare le loro performance su tutto il territorio di Milano, dopo che l'attività di giocolieri, suonatori e mini è stata equiparata a quella dei grandi concerti all'aperto (tuttora proibiti dalle norme anti Covid).

"Per noi è stata una doccia fredda - spiegano gli artisti, che mercoledì 26 maggio hanno organizzato un flashmob davanti al Comune - La cosa più contraddittoria è che dopo il primo lockdown ci era stato permesso di esibirci senza alcun problema. Non capiamo come mai ora le cose siano cambiate. La nostra attività non è assolutamente equiparabile a un contesto come quello di un grande concerto live. Con noi il distanziamento è garantito ed è comprovato che all'aperto il rischio di contagio è molto minore. Il nostro sospetto è che nessuno si voglia prendere la responsabilità delle riaperture, e che noi ci siamo finiti di mezzo. Chiediamo al Prefetto e al Comune di tornare sulla propria decisione".

Video popolari

Milano, la protesta degli artisti di strada: "Assurdo il divieto di esibirci". Video

MilanoToday è in caricamento