Detenuti a lavoro, il ministro Bonafede firma il protocollo: "Così si favorisce il reinserimento"

Il lavoro come occasione di riscatto, come occasione di inserimento nella società. Il ministero della Giustizia e il gruppo multinazionale di sviluppo immobiliare Lendlease hanno promosso un accordo finalizzato a valorizzare l’inclusione sociale dei detenuti presenti negli istituti penitenziari della Lombardia attraverso la promozione di inserimenti lavorativi.

Il “Programma 2121” è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa al carcere San Vittore al termine della quale è stato firmato un protocollo d’intesa tra le diverse parti coinvolte alla presenza, tra gli altri, del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Il sindaco Beppe Sala ha voluto sottolineare l’importanza di una remunerazione “perché – ha detto – ogni lavoro va pagato”.

Il progetto prevede un percorso che entro 3 anni possa portare i detenuti coinvolti ad aver costruito un bagaglio di esperienza da spendere poi nel mercato del lavoro. Una iniziativa, questa, che dovrebbe presto estendersi ad altre regioni del nostro Paese consentendo così ai detenuti una formazione specifica da spendere presto nel mondo del lavoro.

Si parla di

Video popolari

Detenuti a lavoro, il ministro Bonafede firma il protocollo: "Così si favorisce il reinserimento"

MilanoToday è in caricamento