Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Siringhe, dosi e degrado: ecco com'è (ancora oggi) il "paradiso della droga" di Milano

 

Ancora droga. Ancora disperati che si spingono tra gli alberi accanto ai binari a caccia di una dose. Ancora degrado. 

"Resiste" il bosco della droga di Rogoredo, l'enorme area che sorge tra via Sant'Arialdo e via Orwell diventata nel corso degli anni una delle piazze di spaccio di droga - eroina su tutte - più grande del nord Italia. Nei giorni scorsi - il 20, 21 e 22 dicembre - i carabinieri sono tornati a passare al setaccio tutta la zona con l'obiettivo di identificare le persone dirette a comprare stupefacenti e i pusher. 

Durante il blitz - il decimo da inizio anno "firmato" dai militari - sono state controllate 127 persone e 25 veicoli. Due uomini sono stati denunciati: uno per inosservanza delle norme di soggiorno e uno per evasione.  

Le scene che i carabinieri si sono trovati davanti sono state le solite: accampamenti di fortuna, siringhe disseminate qua e là tra le foglie, uomini seduti a terra e dosi nascoste nei tronchi o negli sportelli delle auto.

Durante i blitz scorsi, le forze dell'ordine avevano distrutto diverse "baracche" - quasi tutte usate dagli spacciatori per nascondersi - e avevano tagliato gli alberi per togliere agli stessi pusher tutti i nascondigli naturali. Evidentemente, però, come aveva ammesso lo stesso assessore alla sicurezza Carmela Rozza, il problema è tutt'altro che risolto

Tutta la zona del "boschetto della droga" è stata affidata all'associazione Italia nostra, che si occuperà della bonifica e della rinascita dell'area

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento