Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Baby calciatore insultato perché cinese: lo splendido regalo del Milan a Francesco. Video

Il giovane era stato insultato durante una partita giovanile a Cesano Boscone

 

Dalle lacrime al sorriso. Dal prato verde di un campetto di provincia a quello del Meazza. Splendido regalo del Milan a Francesco Lin, il baby calciatore 13enne che a fine gennaio era stato insultato durante una partita giovanile soltanto perché cinese. 

L'episodio era avvenuto a Cesano Boscone, durante l'incontro tra Idrostar e Ausonia, campionato giovanissimi 2006. "Al 35esimo del secondo tempo un ragazzo esce in lacrime. Non si è fatto male, non è stato sostituito. È stato insultato, umiliato solo perché cinese, perché voi non lo sapete ma oggi funziona così", avevano denunciato dall'Idrostar, spiegando che un avversario - circostanza smentita dall'Ausonia - avrebbe detto al 13enne "spero che ti venga il virus come nei mercati in Cina". 

Dopo le lacrime, il Milan - squadra per cui Francesco fa il tifo - ha deciso di regalargli una giornata speciale, con i suoi campioni del cuore. Così il baby calciatore è stato ospite al Meazza, ha visitato gli spogliatoi, ha calpestato il prato de "la Scala del calcio" e ha ricevuto una maglietta rossonera con il numero 9, lo steso che indossa all'Idrostar. E in un attimo le lacrime si sono trasformate in un bellissimo sorriso. 

"L'ignoranza va combattuta con l'amore e con una bella partita di calcio - ha scritto il Milan su Facebook postando un breve video sull'esperienza del 13enne al Meazza -. Francesco è uno di noi". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento