Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Radicali in piazza per legalizzare la cannabis: "Abbiamo coltivato una pianta ciascuno per disobbedienza civile"

L'iniziativa promossa dal gruppo 'Io coltivo' per chiedere la liberalizzazione sia per uso terapeutico sia per uso ludico

 

Hanno coltivato ciascuno una pianta di marijuana come gesto di disobbedienza civile. La protesta fa parte della campagna “Io coltivo” ,promossa da 'Meglio legale', 'Radicali italiani', 'Associazione Luca coscioni', 'Dolce vita magazine' e oltre venti altre realtà che mercoledì 22 luglio hanno manifestato per chiedere la legalizzazione della cannabis sia per fini terapeutici sia a scopo ludico.

"In Italia ci sono 6 milioni di consumatori - spiegano Barbara Bonvicini e Michele Usuelli - Lasciarli in mano allo spaccio di strada significa solo dare soldi alla malavita e non garantire la qualità di quello che si consuma. C'è poi anche un serio problema per quanto riguarda l'uso terapeutico. In Italia mancano centinaia di Kg di cannabis rispetto al fabbisogno dei pazienti, che quindi sono costretti a non poter portare avanti le proprie terapie. Legalizzare è un dovere istituzionale".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento