Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo sfogo del capotreno Trenord: "Perché se multo un italiano vi arrabbiate e con un nero no?"

 

"Questo video per dire che mi sono rotto dei razzisti che trovo tutti i giorni in giro". Inizia così la clip sfogo, già diventata virale, che Marco - capotreno Trenord da quindici anni - ha deciso di pubblicare sul proprio profilo Facebook per denunciare il razzismo con cui si trova a fare i conti durante il suo lavoro. 

"Mi capita ormai ogni giorno la stessa situazione - racconta il giovane -. Se multo uno che parla italiano con la faccia bianca si alzano tutti a dire «ma gli extracomunitari li fate viaggiare gratis». Io controllo i biglietti non i passaporti", ci tiene a sottolineare Marco. 

Che poi continua: "Gli avvocati difensori si arrabbiano quando faccio la multa alla povera ragazza che non ha fatto in tempo, «cosa c'entra lei che è italiana e ha la faccia bianca» - dice ironicamente il capotreno -. Le stesse persone però si alzano e ti danno la mano quando la multa la fai a una persona che non parla italiano e non ha la pelle esattamente bianca". 

"Non tollero che si dia per scontato che gli extracomunitari non paghino il biglietto sul treno e - evidenzia Marco - non esiste che mi si facciano i complimenti perché ho appena multato una persona non italiana".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento