Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carrozzina all'ingresso Comune con la scritta "Grazie sindaco per le mancanze su disabili e senzatetto". Video

A Milano il gesto dimostrativo dell'associazione Pro Tetto per denunciare le carenze del "Piano freddo" rivolto ai senza fissa dimora

 

Una sedia a rotelle abbandonata davanti all'ingresso del Comune con un cartello recante la scritta: "Sindaco, grazie le per Vs. mancanze sui disabili e senzatetto". Protagonista del gesto dimostrativo l'associazione Pro Tetto di Milano, che nella tarda serata di lunedì 24 febbraio, dopo il consueto giro di distribuzione di beni e viveri ai clochard, ha voluto denunciare così le carenze del piano anti freddo messo in campo quest'anno dall'Amministrazione comunale.

Le condizioni dei dormitori

"Ci dicono che ci sono 2700 posti nei dormitori che invece non esistono - spiegano i membri dell'associazione - Ogni volta che portiamo lì un nostro senzatetto viene respinto, per non parlare delle condizioni dei rifugi notturni. Ci sono rapine e vessazioni, e se qualcuno ne parla viene allontanato dal posto letto. Anche le condizioni igieniche non sono buone. Molti utenti ci hanno parlato di sporcizia e cimici nei letti".

Le carenze nel Piano freddo del Comune

"Il cosiddetto 'Piano freddo' è partito con grande ritardo - spiegano ancora i volontari di Pro Tetto - Le iscrizioni per poter accedere ai dormitori devono essere prese nel mese di agosto, non a dicembre, quando ormai l'inverno è iniziato. Così costringi centinaia di persone a dormire al freddo nell'attesa di sbrigare tutte le pratiche burocratiche necessarie. A noi è bastato fare una raccolta fondi e con 4mila euro abbiamo trovato un ostello disposto a ospitare 30 senza fissa dimora a rotazione per tutta la durata delle feste. È una cifra che il Comune avrebbe potuto investire senza alcuno sforzo, ma se chi fa il 'Piano freddo' poi resta sempre al caldo senza mai verificare com'è la situazione per strada..."

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento