Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, prima sera di coprifuoco tra paura e locali deserti a Milano: "Così chiudiamo"

Navigli deserti lunedì: bar chiusi e ristoranti vuoti. E i titolari lanciano il grido d'allarme

 

La saracinesca al civico 44 è giù. Sulla porta, dietro la serranda, c'è un foglio di carta scritto a mano: "Chiuso dal 24/2 al 1/3 compresi. Salvo successive disposizioni della regione Lombardia". Non c'è nessuna indicazione oraria: la cler resterà abbassata a tutte le ore, tutti i giorni. Attorno non c'è praticamente nessuno. Di tanto in tanto passa qualche ragazzo che si allena correndo o qualche turista, rigorosamente con la mascherina sul volto a coprire la bocca. I tavoli sistemati sul pavé sono apparecchiati, ma desolatamente vuoti, mettono quasi un senso di tristezza, di angoscia. 

Le istantanee scattate lunedì sera sui Navigli a Milano sono così: tristi, vuote. Sono "Polaroid" che non sfiorano neanche la folla e il caos di quella "Milano da Bere" che in Ripa di Porta Ticinese ha sempre trovato una delle sue espressioni più forti e più giovani. 

Era lunedì certo - anche se i commercianti della zona giurano di non aver mai vissuto un lunedì così -, ma soprattutto era il primo giorno di "coprifuoco" imposto dall'ordinanza di regione Lombardia emanata per "contenere" - la parola d'ordine è quella - l'emergenza Coronavirus, che in regione ha causato oltre 170 contagi e sei decessi. 

Tra divieti e paura

Quindi bar chiusi dalle 18 fino alle 6 del mattino, mentre sono salvi i ristoranti - e tutti i locali con licenza di ristorazione - che sono stati autorizzati a lavorare fino alle 2 della notte, pur prendendo "misure per evitare gli assembramenti". 

"Salvi", almeno sulla carta. Perché in realtà lunedì sera il coprifuoco, misto alla psicosi e alla paura, ha lettralmente svuotato i Navigli. I ristoranti sono tutti vuoti, i pub che offrono l'happy hour con aperitivo anche, nelle pizzerie scene identiche e in giro non c'è quasi nessuno. "Lunedì scorso, in una settimana normale, non c'era neanche un posto a sedere", dice la responsabile di una hamburgeria che, insieme ai quattro dipendenti presenti, non ha servito neanche un panino. 

"Forse è meglio chiudere"

"Va così, guardate qua il ristorante, è vuoto", le fa eco il responsabile di un locale. "È così, l'ordinanza ci consente di restare aperti ma la gente ha paura e questo è il risultato". Qualche titolare ha mandato i dipendenti in ferie per cercare di contenere le spese perché l'altro lato della medaglia di psicosi e panico è quello delle perdite economiche per chi ha un'attività. 

I dati forniti dai ristoratori mettono i brividi: 40%, 60%, 90%, tutti numeri seguiti dalle parole "in meno". E così in tanti riflettono ad alta voce, con tanta amarezza: "Forse a questo punto è meglio chiudere". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento