Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, l'allarme dei riders: "Lavoriamo senza protezioni, a Milano siamo più di mille"

I fattorini che effettuano consegne a domicilio hanno lanciato l'allarme. Ecco la situazione

 

È scattata così la protesta dei rider di Milano. Il testo è stato pubblicato nella giornata di mercoledì 11 marzo sulla pagina Facebook Delivarance, il collettivo dei rider che consegnano cibo e beni all'ombra della madonnina. Sono proprio loro a sottolineare di essere "tra le categorie più esposte al contagio, occupandoci di consegne a domicilio", e di essere privi di "mascherina certificata, guanti usa e getta e gel disinfettante".

E la situazione non delle migliori. "Abbiamo saputo che ci sono nostri colleghi che sono stati contagiati - si legge nel post -. Chiediamo il diritto di poter esercitare quei diritti che l’Art.2 del Jobs Act già ci riconosce, in quanto lavoratori eteroorganizzati: siamo lavoratori subordinati e dobbiamo essere trattati come tali, anche per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali". Questo perché i fattorini devono "far fronte sia al calo delle consegne (circa il 50% in meno) venendo pagati a cottimo".

"Come Deliverance Milano, il sindacato dei rider di Milano - si legge - auspichiamo che questa situazione trovi una sua repentina risoluzione, perché non ci possiamo permettere ancora a lungo di restare sospesi nell’incertezza". Non avendo "nemmeno il diritto di stare a casa - scrivono ancora i rider - ci troviamo protagonisti di situazioni pressoché assurde, come addetti al banco che ci intimano di rimanere fuori dal locale, trattandoci come untori e appestati".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento