Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così vive una donna perseguitata dal suo ex: ecco l'incubo di una vittima di stalking. Video

 

Ha preso il cellulare in mano e ha deciso di reagire, di non lasciar vincere la paura e di incastrare il suo stalker. Quello stesso uomo che evidentemente aveva deciso di lasciare e che, come ha raccontato lei stessa, aveva appena denunciato nella speranza di convincerlo a smettere. 

Una ragazza ha documentato in un video - diffuso dalla Questura di Milano - le persecuzioni che per giorni e giorni è stata costretta a subire dal suo ex compagno. Nelle immagini, molto forti, si vede la vittima che sorprende l'uomo nelle scale del suo condominio, appostato proprio fuori dall'abitazione della ex. 

"Bravo, ti ho pescato un'altra volta - dice la donna, con un tono di voce affannato e spaventato -. Vengo dalla Questura, ti ho appena denunciato. È inutile che ti incappucci, eri un'altra volta dentro casa mia. Questa - urla la signora - è violazione di domicilio". 

"Sono stufa che mi pedini, sono stufa di trovarti sotto casa mia", continua la ex dello stalker, che prova a difendersi spiegando che "io volevo solo parlare con te". "Non ce la faccio più - dice ancora la donna -. Io non vivo più, è un incubo". 

Proprio per aiutare le ragazze vittime di stalking e per cercare di "recuperare" gli stalker, giovedì la Questura di Milano e il Cipm - centro italiano per la promozione della mediazione - hanno firmato il protocollo d'intesa "Zeus".

L'accordo permetterà agli agenti di introdurre nei decreti di ammonimento “l’ingiunzione trattamentale”: un provvedimento che spingerà gli "aguzzini" a iniziare un percorso terapeutico per imparare a gestire le emozioni in un modo migliore, nella speranza che smettano di perseguitare le loro vittime. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento