Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Libano, i due milanesi a Beirut mostrano gli effetti dell'esplosione il giorno dopo

L'imprenditrice di Milano Eleonora Carrai e il marito libanese Anas si trovavano in un hotel di fronte al porto al momento dello scoppio

 

Per le strade vetrine infrante e macerie, mentre nella stanza d'albergo persino le finestre si sono divelte. È lo scenario del giorno dopo l'esplosione in un deposito di fuochi d'artificio a Beirut, in Libano. A Mostrarla sono Eleonora Cerrai e il marito Anas, che si trovanano in una stanza d'hotel vicino alla zona della deflagrazione.

I due coniugi, che vivono e lavorano tra la Lombardia e il Libano, hanno raccontato a Milano Today i momenti immediatamente successivi all'esplosione, seguiti dalla fuga tra la confusione generale: "Ovunque c'erano macerie, sangue e persone che fuggivano. Qui le autorità parlano di un attentato. Lo scoppio è stato talmente forte da farci finire contro il muro".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento