Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hikikomori, a Milano sono oltre 80: ecco cos'è il fenomeno dell'isolamento sociale nato in Giappone

In municipio l'audizione dell'associazione di genitori con figli affetti da questo particolare disagio che spinge le persone a chiudersi in casa interrompendo qualsiasi relazione con l'esterno

 

Si chiamano Hikikomori e sono quelle persone che si isolano volontariamente rinchiudendosi in casa e interrompendo qualsiasi relazione con l'esterno. Per parlare di questo particolare disagio, noto in Giappone ormai da decenni, si è riunuta giovedì 20 febbraio la commissione Affari sociali del Comune di Milano, che in un'audizione pubblica ha ascoltato la testimonianza di Elena Carolei, madre di un ragazzo Hikikomori e presidente dell'associazione "Hikikomori Italia Genitori onlus".

"Solo a Milano abbiamo riscontrato circa 80 casi - spiega la signora Elena - In Lombardia, invece, se ne contano più di 140. Si tratta di persone generalmente di sesso maschile, che vanno dall'adolescenza fino a oltre i 30 anni. Sono persone che hanno deciso di isolarsi completamente, individui che a causa di un irrefrenabile senso di inadeguatezza verso gli altri arrivano persino a chiudersi  nella propria stanza non uscendo per giorni interi e rifugiandosi nei propri interessi, spesso legati al web. Staccar loro la connessione internet puà essere addirittura contro producente. L'unica soluzione è cercare di essere partecipi del loro disagio per provare a capirli e aiutarli a trovare una soluzione".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento