Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pioltello, Sala: "Non c'è più tempo da perdere, bisogna investire sulle infrastrutture". La Prefettura attiva due numeri

 

"Non c'è più tempo da perdere, bisogna investire subito nelle infrastrutture, chiediamo al Paese il massimo sforzo". Così Giuseppe Sala, sindaco di Milano, recatosi sul luogo della tragedia lancia un monito: "Invece di fare sogni sciocchi come il ponte sullo Stretto di Messina, bisognerebbe pensare a garantire la sicurezza ai pendolari e a chi sceglie il trasporto su ferro, che rimane certamente il più importante".

Sarà la magistratura a fare chiarezza sulle cause, intanto Sala afferma che il convoglio veniva spinto da dietro con la motrice in coda, "evidentemente - ha detto - il macchinista non si è accorto che alcuni vagoni erano già fuori sede".

Erano almeno 250 i pendolari che affollavano il convoglio in un orario di punta com'è quello del primo mattino, in tanti viaggiavano in piedi. "E' brutto dirla così - ha proseguito Sala - ma potremmo dire che è quasi andata bene, poteva essere davvero una strage".

Nel pomeriggio di giovedì 25 gennaio è atteso un vertice in Prefettura a cui prenderà parte il Ministro delle Infrastrutture Graziano Del Rio insieme ai politici del territorio e ai vertici di Rfi.

La Prefettura, intanto, ha attivato due linee telefoniche per tutti coloro che volessero chiedere informazioni su persone eventualmente coinvolte nell'incidente. Questi i numeri da chiamare: 02.77584892 - 02.77584184

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento