Anna Frank, il diario letto in Darsena: "Su queste cose non c'è da scherzare"

“Ci sono mille buoni motivi per leggere e rileggere il Diario di Anna Frank: perché è un’opera di grande valore letterario, perché è una eccezionale testimonianza storica, perché è un’occasione per mantenere viva la memoria delle tragedie del passato".

Così il vicesindaco e assessore comunale all'Educazione e Istruzione ha voluto lanciare un messaggio forte e chiaro in un momento storico in cui le iniziative a sfondo razzista non sono poche.

In Darsena mercoledì 1 novembre, davanti a tanti cittadini, sono stati letti alcuni brani di quel testo che è oggi una forte testimonianza e un duro monito contro certe derive.

Oltre al presidente del Municipio 6 Santo Minniti, era presente la Comunità Ebraica di Milano: “Salutiamo con estrema gratitudine la manifestazione dedicata alla memoria di Anna Frank – commenta Davide Romano –, un simbolo che ci ricorda come tra i 6 milioni di ebrei sterminati ci fossero anche 1,5 milioni di bambini. Tali mostruosità non devono più accadere in nessun luogo del mondo".

Si parla di

Video popolari

Anna Frank, il diario letto in Darsena: "Su queste cose non c'è da scherzare"

MilanoToday è in caricamento