Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lockdown a Milano, la no mask in metro: "Italiani capre schifose, solo qui rompono i cogl** per le mascherine"

È successo su un treno della linea verde diretto ad Assago e proveniente da Cologno Nord nella mattinata del 6 novembre

 

Follia sulla metropolitana di Milano venerdì 6 novembre, primo giorno del nuovo lockdown. Due passeggeri, un uomo maturo e una ragazza, hanno avuto un'accesa lite perché lei si rifiutava di indossare la mascherina

L'accaduto su un treno della linea verde diretto ad Assago Milano Fiori Forum e proveniente da Cologno Nord. Il litigio è iniziato perché il signore ha ripreso la giovane, seduta nel vagone senza alcuna protezione sul viso, invitandola a mettersi la mascherina e lei ha subito reagito aggressivamente, iniziando a insultarlo. 

La no mask, visibilmente agitata, ha insultato tutti quelli si attengono alle norme anti contagio, affermando, tra le altre cose, "anche il nazismo è iniziato perché tutti seguivano le regole". Rivolgendosi all'uomo gli ha poi detto "riprenditi, ti stai respirando l'anidride carbonica".

Il signore, che per tutto il tempo ha mantenuta la calma, ha provato anche a spiegarle che non era necessario insultare nessuno, ma la ragazza imperterrita ha continuato ad alzare la voce, affermando "io, insulto tutti gli italiani che voglio. L'italiano è proprio una capra schifosa, in tutto il mondo fanno manifestazioni e qua rompono i coglioni per le mascherine".

A mettere fine al diverbio, andato avanti per alcune fermate, è stato il fatto che l'uomo scendesse dalla metro. La no mask a quel punto ha continuato a viaggiare senza nessun dpi.

Le multe previste per chi non rispetta il Dpcm

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento