Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Primi arrivi nel centro migranti di via Corelli: attivisti bloccano la strada per impedire l'ingresso dei profughi

I sit-in degli attivisti per i diritti dei richiedenti asilo nel giorno dei primi arrivi nell'hub vicino all'idroscalo di Milano

 

Strada bloccata per impedire che i migranti siano rinchiusi nel centro di via Corelli appena riaperto. Così gli attivisti della rete 'NO CPR' hanno protestato nel giorno dei primi arrivi di profughi presso la struttura di 'Permanenza e rimpatrio' vicino all'idroscalo di Milano.

Una riapertura, quella dell'hub in via Corelli, osteggiata dai centri sociali e da tutte le associazioni per i diritti dei richiedenti asilo, che paragonano senza mezzi termini il centro a un lager. "Non ci muoveremo da qui finché il CPR non sarà nuovamente chiuso - hanno gridato i manifestanti rivolgendosi alla Polizia schierata in assetto antisommossa - Lo Stato italiano deve prendere atto che nel 2020 esiste una nuova generazione di cittadini che merita gli stessi diritti degli altri".

Video: Rete NO CPR

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento