Mercoledì, 20 Ottobre 2021

'No green pass' a Milano: "La pandemia non esiste, il Covid è stato programmato a tavolino"

Il temuto 'assalto' dei manifestanti no vax in piazza Fontana riscuote poche adesioni. "Siamo qui per difendere la libertà, il vaccino non è un vero vaccino"

"La pandemia non esiste, il Covid è stato programmato a tavolino sin dal 2016 e il vaccino non è un vero vaccino". Sono queste le assurde teorie complottiste portate in piazza mercoledì 28 luglio dalle poche decine di 'No green pass' che hanno aderito alla manifestazione di piazza Fontana a Milano.

Uno sparuto gruppo di no vax, inferiore per numero persino alle forze dell'ordine presenti sul posto, ha dato il via alle 17.30 al primo dei tre sit-in previsti in città per dire "No" all'uso della carta verde come passaporto per le attività al chiuso e i viaggi. "Siamo qui per difendere la libertà", spiegano i manifestanti esibendo cartelli in memoria del professor Giuseppe De Donno, il "padre" della terapia col plasma iperimmune che è stato trovato morto suicida nella sua casa nel mantovano.

"Voi giornalisti raccontate solo balle - grida uno degli animi più accesi del raduno 'No green pass' esibendo un foglio con degli indirizzi internet - È scritto qui sul web che la pandemia non esiste e che il Covid è stato programmato dal 2016, anche per il futuro". "Esistono altre cure domiciliari", dicono invece altri scettici no vax mescolando timori per gli effetti del vaccino, teorie strampalate sull'immunità dal Coronavirus e discorsi confusi che paragonano il green pass alle leggi razziali contro gli Ebrei. "Il vaccino non è un vaccino. È un siero, dicono che è un vaccino, ma non lo è, non è stato sperimentato. Ci sono molti casi di problemi, anche a lungo termine. Se non lo voglio fare devo essere libero di non farlo. È esagerato imporre il green pass per poter fare qualunque cosa".

Video popolari

'No green pass' a Milano: "La pandemia non esiste, il Covid è stato programmato a tavolino"

MilanoToday è in caricamento