Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Milano, dura contestazione per l'assessore Maran dopo il taglio degli alberi al parco Bassini

Gli attivisti di Fridays for Future protestano contro l'esponente della Giunta Sala per la decisione di abbattere il giardino pubblico e far posto al nuovo dipartimento di chimica del Politecnico

 

Dura contestazione all'uscita di Palazzo Marino per l'assessore al Territorio del Comune di Milano Pierfrancesco Maran, reo secondo gli attivisti di Fridays for Future di aver dato il via libera all'abbattimento gli alberi secolari del parco Bassini, tagliati lo scorso 2 gennaio per far posto al nuovo dipartimento di chimica del Politecnico.

Una decisione, quella del Comune e dell'università, che ha scontentato non solo gli attivisti per il clima, ma anche numerosi residenti e persino membri del corpo docente del Politecnico, secondo i quali bisognava preservare il valore ecologico di un parco con alberi vecchi di 70 anni e che proprio per la loro "età" erano maggiormente in grado di assorbire CO2 e Pm10 dall'aria della città.

Poche ore prima della contestazione Fridays for Future, associazioni ambientaliste e residenti avevano manifestato di fronte al parco, recandosi poi in corteo fino alla sede del Comune, dove era in corso il Consiglio Comunale. E proprio all'uscita dei membri della Giunta dalla seduta consiliare è scattata la contestazione nei confronti dell'assessore al Territorio Maran, una dura protesta con inviti alle dimissioni condita anche da qualche insulto. Maran, dopo essersi soffermato brevemente fuori dal municipio, si è poi allontanato lasciando il palazzo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento