rotate-mobile

Le finte mascherine prodotte da FCA e distribuite alle scuole di Milano

La denuncia del direttore scolastico dell'istituto Freud: "Gli studenti non le vogliono perché scadenti e maleodoranti, ma hanno il timbro del Ministero"

Mascherine non a norma realizzate da FCA (ex Fiat) e distribuite dal Ministero dell'Istruzione agli studenti delle scuole. A denunciarlo è il direttore dell'Istituto Freud di Milano, che mostrando alcune confezioni del dpi racconta l'assurda situazione venutasi a creare nella sua scuola.

"Sono certificate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e prodotte dalla FCA di Torino - spiega il dirigente scolastico mostrando le confezioni - Basta però guardarle per capire che non sono mascherine chirurgiche regolari. Il tessuto non è lo stesso, sembra quello di un pannolino dicono i ragazzi, gli elastici si rompono quasi subito e in più hanno anche un cattivo odore. Il risultato è che gli studenti non le vogliono e preferiscono portarsele da casa, mentre noi ci ritroviamo con scatoloni e scatoloni di mascherine inutili che non sappiamo nemmeno come smaltire. È uno spreco pazzesco, oltre che un segno di scarsa considerazione, l'ennesimo, nei confronti della scuola". 

Video popolari

Le finte mascherine prodotte da FCA e distribuite alle scuole di Milano

MilanoToday è in caricamento