Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Residenti contro la movida 'selvaggia': "Troppi assembramenti, diffidiamo il sindaco Sala"

A Milano la protesta di sei comitati di quartiere: "Davanti ai locali niente distanziamento sociale, ogni sera siamo prigionieri di degrado, spaccio ed episodi di violenza"

 

"Davanti ai locali regnano degrado, spaccio e violenza. Ora, dopo il Covid, non si rispetta nemmeno il distanziamento sociale. Siamo stanchi e diffidiamo il Comune di Milano". A parlare sono i rappresentanti di sei comitati di quartiere che si sono rivolti a uno studio di avvocati per chiedere formalmente al sindaco Beppe Sala e alla sua Giunta di intervenire su quella che definiscono la 'movida selgaggia'.

Firmatari dell'atto legale sono l’associazione Proarco Sempione e i comitati dei Navigli, Sant’Agostino, Archinto (quartiere Isola), via Melzo, via Lambro e Lazzaretto (quartiere Porta Venezia): "Da quando è stata fatta la diffida centinaia di migliaia di residenti hanno aderito ai nostri comitati - spiega Elena Montafia - Abbiamo voluto fare un gesto così clamoroso come quello di diffidare il sindaco e alcuni assessori del Comune di Milano perché siamo prigionieri della mancanza di legalità e regole. Già prima della pandemia e del lockdown la situazione nei quartieri della movida era al limite, ma ora non si rispettano nemmeno le norme sanitarie di distanziamento sociale e questo crea allarme tra gli abitanti. Ogni quartiere poi ha le sue 'peculiarità', diciamo: chi ha lo spaccio, chi l'immondizia sotto casa la mattina dopo, chi assiste persino a sesso in strada e accoltellamenti. Speriamo che con il nostro gesto qualcuno intervenga".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento