Mercoledì, 29 Settembre 2021

Ponti e viadotti tutti monitorati. Ma il M5s chiede attenzione per la Milano-Meda

Il livello di attenzione su ponti e viadotti, dopo la tragedia di Genova, è massimo al punto che il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha chiesto nei giorni scorsi agli enti territoriali un rapido ma completo censimento. Ponti, viadotti, strade, opere idrauliche: la messa in sicurezza diventa prioritaria.

La Città metropolitana di Milano fa sapere che, dalla mappatura effettuata dai singoli comuni e per le strutture di propria competenza, non vi è alcuna situazione di pericolo, ma ha comunque stilato una lista di interventi prioritari e adesso attende la risposta, e i soldi, da parte del governo. Non ci sono emergenze e non bisogna arrivare alle emergenze, per questo pianificare diventa fondamentale.

Il Movimento 5 Stelle intanto, in Regione, ha presentato una mozione impegnando la Giunta in un piano regionale di messa in sicurezza delle infrastrutture lombarde. E in particolare chiede attenzione per i ponti e i viadotti della Milano-Meda come quello che ricade nel comune di Cormano interdetto al passaggio dei mezzi superiori alle 20 tonnellate, evidentemente a scopo precauzionale. Sotto il traffico della Milano-Meda, traffico intenso praticamente tutto il giorno.

Città metropolitana ha intanto stanziano per il 2018 2,5 milioni di euro proprio per intervenire su due ponti che sovrastano questa importantissima arteria. Programmazione e manutenzione ordinaria: è da qui che passa la sicurezza dei cittadini.

Si parla di

Video popolari

Ponti e viadotti tutti monitorati. Ma il M5s chiede attenzione per la Milano-Meda

MilanoToday è in caricamento