Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Diamo da mangiare ai vostri figli, ma noi siamo alla fame": la protesta dei lavoratori delle mense

Presidio davanti al municipio di Milano per chiedere il prolungamento degli ammortizzatori sociali e l'accredito delle cig e delle fis non ancora pagate

 

Per loro, ad oggi, sul ritorno al lavoro dopo la pandemia non vi è alcuna certezza, e così anche i lavoratori delle mense e della ristorazione scendono in piazza per protestare contro il Governo. È accaduto mercoledì 24 giugno in piazza della scala, a Milano, dove qualche centinaio di impiegati dei servizi mensa per le aziende e per le scuole, affiancati dai lavoratori della ristorazione, hanno chiesto che gli ammortizzatori sociali previsti per l'emergenza Covid siano estesi almeno fino a settembre.

"Molti non hanno mai ricevuto la cassa integrazione - spiegano Marco Beretta e Paolo Miranda, di Filcams Cgil e Fisasca Cisl - Molte famiglie sono allo stremo e l'effetto lungo dello smart working rischia di essere il fallimento delle aziende che si occupano della ristorazione e delle mense. Per questi lavoratori non c'è al momento alcuna certezza sulla data di ritorno al lavoro. Il Governo deve intervenire prolungando le casse integrazioni e versando i contributi che finora sono stati previsti, ma non erogati".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento