Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scuola, la protesta della rete contro la didattica a distanza: "Confindustria vuole specularci sopra"

Lancio di vernice davanti alla sede di Assolombarda per gli attivisti di Rete NO DAD e CS Azadì. In piazza Cairoli sfila il corteo per la mobilitazione nazionale di alunni e insegnanti

 

Anche Milano si mobilita per la scuola, con un corteo partito da piazza Cairoli venerdì 25 settembre, in concomitanza con le altre manifestazioni di studenti e insegnanti previste in tutta Italia. Diverse le rivendicazioni della piazza: dal rientro in sicurezza, all'abolizione definitiva della didattica a distanza, con alcuni studenti che hanno improvvisato un sit-in con lancio di vernice alle finestre della sede di Assolombarda, la 'costola' milanese di Confindustria.

"Dall’inizio del lockdown a oggi sono passati mesi che sarebbero potuti essere utilizzati per varare un massiccio piano di investimenti per migliorare e mettere in sicurezza le strutture scolastiche - spiegano gli studenti in un comunicato - Ciò non è accaduto, non c'è stato alcun finanziamento straordinario, a fronte, invece, di numerosi tagli sui finanziamenti all'istruzione fatti negli anni. Scuole private e aziende industriali non sono interessati all’esistenza di una scuola nazionale pubblica, inclusiva, accessibile, democratica, ma soprattutto funzionante. Durante la DAD è proprio Confindustria ad aver dato accesso alle piattaforme digitali usate da studenti e studentesse, inserendosi prepotentemente nel sistema scolastico pubblico".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento