Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rapina alla gioielleria Verga, rapinatori armati rubano 220mila euro di orologi in due minuti

 

Poco più di due minuti per rubare 220mila euro di orologi e fuggire. Eccoli in azione i tre rapinatori che lo scorso 4 aprile hanno svaligiato la storica gioielleria Verga di corso Vercelli a Milano. 

Alle 11.26, i tre fanno irruzione nel locale. A farsi aprire la porta è un uomo vestito elegantemente, con una maschera sul volto. Subito dietro di lui appaiono gli altri due uomini della banda: entrambi con un casco in testa e uno con una pistola in pugno e un altro armato di una mazzetta da muratore. 

Nel giro di due minuti - a fermarli sarà solo l'arrivo di una Volante allertata da un testimone - i rapinatori rubano ventidue orologi e fuggono dal retro, alle 11.28 in punto. 

I tre verranno poi arrestato il 9 giugno pomeriggio. Quella stessa mattina - con la polizia che era già arrivata a loro grazie alle targhe dei motorini usati per la fuga - i tre avevano rubato 68mila euro da un ufficio postale di viale San Gimignano a Milano

In manette sono finiti Raffaele Bonavolontà - trentaquattro anni, di Melito di Napoli, con precedenti per rapina, associazione mafiosa e spaccio -, Luigi Ascioni - ventidue anni, anche lui napoletano e anche lui con precedenti per rapina - e Gennario Di Biase - ventiquattro anni, stessa città d'origine e stesso "curriculum" degli altri due. Devono tutti rispondere di rapina pluriaggravata. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento